martedì, 6 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Ginnastica artistica
IX trofeo città di Jesolo
Pubblicato il 24-03-2016


Laurie Hernandez Foto Ricciarda Nencini

Laurie Hernandez
Foto Ricciarda Nencini

Nel mondo della ginnastica artistica l’amichevole che si tiene ogni anno al Pala Arrex di Jesolo rappresenta uno degli eventi più attesi dell’intera stagione. Non sono in gioco titoli di grande prestigio, medaglie o alcun tipo di riconoscimento, ciò che rende unico il fine settimana infatti non è che la soddisfazione di gareggiare e confrontarsi con alcune delle migliori delegazioni del mondo, ogni anno

Gabrielle Douglas  Foto Ricciarda Nencini

Gabrielle Douglas
Foto Ricciarda Nencini

diverse, fatta eccezione per la squadra americana, che da nove edizioni a questa parte ci onora della sua partecipazione con l’intera formazione junior e senior.
In vista delle olimpiadi di Rio di quest’anno infatti, è di fondamentale importanza confrontarsi con la squadra a stelle e strisce che è ormai regina indiscussa di questa disciplina, così come lo è stato gareggiare insieme a Brasile e Francia, due rivali non indifferenti per l’Italia in campo mondiale.

Aly Raisman Foto Ricciarda Nencini

Aly Raisman
Foto Ricciarda Nencini

La squadra azzurra è composta da Alessia Leolini, Carlotta Ferlito, Giorgia Campana, Enus Mariani, Desiree Carofiglio e Tea Ugrin, che nella prima giornata di gare, dove le squadre si sono sfidate su tutti e quattro gli attrezzi, hanno ottenuto un buon terzo posto dietro a Brasile e USA, che da sempre ormai detengono il titolo anche di questo trofeo.
Spicca l’esibizione della campionessa olimpica in carica Gabrielle Douglas

che ottiene un irraggiungibile 15.050 alle parallele, la trave di Laurie Hernandez che vale 15,300, ma ancor più vale la sua espressività al corpo libero che più di tutto la caratterizza. Per non dimenticare il membro dell’oro olimpico e mondiale a squadre, l’oro al corpo libero a Londra Aly Raisman, che paga una caduta al volteggio da quello che è attualmente il salto più difficile del codice dei punteggi femminile, ma che riesce in ogni caso a deliziare il pubblico al corpo libero.

Il 20 marzo si sono invece tenute le finali di specialità, che vedono le migliori otto ginnaste sfidarsi su ogni attrezzo.
Per l’Italia Alessia Leolini, che esegue il salto di difficoltà maggiore fra le italiane, ottiene un ottimo quarto posto al volteggio con 14,200 dietro solo a tre inarrivabili americane.

Carlotta Ferlito Foto Ricciarda Nencini

Carlotta Ferlito
Foto Ricciarda Nencini

Alla trave vediamo invece Enus Mariani, che conclude un esercizio preciso e senza sbavature, insieme alla caposquadra Carlotta Ferlito, reginetta dell’attrezzo anche in campo internazionale. Dopo un esercizio impeccabile però, le scivola un piede dalla rondata d’uscita, e arriva da uno dei due salti carpiati sul collo, rimanendo immobile per qualche secondo sul tappeto e trascinando l’intero palazzetto in secondi carichi di ansia e paura. Per fortuna niente di grave, Carlotta viene portata subito all’ospedale dove la TAC risulta negativa, paga solo un grande spavento.
Prossimi appuntamenti le ultime due tappe di serie A a Roma e a Torino, gli europei di Berna a maggio e poi il tanto atteso sogno a cinque cerchi. Chi riuscirà a coronarlo questa volta?
Ricciarda Nencini

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento