lunedì, 5 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

In Spagna tutto rimandato. Sanchez senza maggioranza
Pubblicato il 03-03-2016


SANCHEZ-Spagna

In Spagna, tutto rimandato a venerdì. Allora basterà una maggioranza semplice, ma i numeri parlano chiaro: su 350 deputati, 130 voti a favore, 219 voti contrari e una sola astensione. Sánchez ha ottenuto soltanto l’appoggio del suo Psoe e dagli alleati di Ciudadanos, oltre al non-voto della deputata di Coalición Canaria.

Un nuovo passo avanti verso nuove elezioni generali, già fissate per il 26 giugno qualora non si dovesse riuscire a formare un governo entro i primi di maggio.

Non riuscendo a far leva sui sentimenti anti-Rajoy al fine di formare una coalizione a tre con Ciudadanos e Podemos, Sánchez esce sconfitto sotto il peso pesante del pareggio quadripartito del voto dello scorso dicembre.

Se Rivera si è attenuto ai patti, non facendo mancare i voti arancioni, dall’altro lato, sia Rajoy che Iglesias hanno lavorato in questi giorni al fine di porre una distanza enorme dal segretario socialista. Distanza che, in questo momento, appare incolmabile. A nulla sono serviti gli appelli al dialogo, né l’accorata invocazione nel discorso de investidura. Alla fine hanno prevalso l’insulto e la calunnia, la provocazione e la sfiducia.

“Bloccare l’orologio della democrazia è una mancanza di rispetto per gli spagnoli”, ha dichiarato il candidato premier, accusando la scarsa collaborazione riscontrata da parte degli altri partiti. E non evita di attizzare il focolaio di polemiche con Pablo Iglesias, scoprendone il gioco: “Podemos è la linfa vitale del PP”. Ma siamo ormai in un circolo vizioso. Il Psoe e Ciudadanos difficilmente riusciranno a superare l’esame di domani sera. Se, come appare probabile, Sánchez non dovesse avere i numeri nemmeno alla seconda votazione, gli spagnoli saranno chiamati a scegliere nuovamente il proprio destino, consci però del solo risultato finora apportato dall’antipolitica di Podemos: l’ingovernabilità.

Giuseppe Guarino

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento