giovedì, 8 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La Polonia rifiuta i migranti dopo l’attacco in Belgio
Pubblicato il 23-03-2016


poloniaLa Polonia non mantiene i patti e senza una connessione logica decide di non accogliere i 7500 migranti che avrebbe dovuto ospitare secondo gli accordi con l’Unione europea.

La decisione è stata comunicata dal primo ministro polacco Beata Szydlo, che ha affermato all’emittente polacca Superstacja che “non c’è alcuna possibilità per i profughi di venire a Polonia” dopo gli attacchi che hanno scosso la capitale belga il giorno prima.
La liberal-conservatrice Ewa Kopacz, ex primo ministro prima di lasciare l’incarico a Szydlo aveva accettato di accogliere i profughi dopo le trattative con l’Unione Europea e quest’anno aveva già aperto le porte ai primi 400 richiedenti asilo.

Nel paese la destra estremista e xenofoba ha raggiunto livelli inauditi, con episodi come quelli di novembre, quando George Mamlouk, un rifugiato cristiano della città siriana di Raqqa, è stato aggredito in strada a Poznan da tre uomini che gli hanno rotto il naso e un dito, ferendolo anche a una gamba, mentre una folla inferocita di passanti incitava i tre ad “ucciderlo”.

Non solo, ma anche le istituzioni del Paese sembrano rispondere bene agli umori e alla pancia della popolazione polacca, il presidente della Repubblica, Andrzej Duda durante una cerimonia ad ottobre ha detto che il governo dovrebbe prendere tutte le misure necessarie per proteggere i suoi cittadini dai rifugiati che portano “malattie ed epidemie”.

Maria Teresa Olivieri

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento