mercoledì, 25 maggio 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Nazionale, Conte se ne va
AAA cercasi nuovo ct
Pubblicato il 18-03-2016


Antonio Conte

Antonio Conte

Quello che si sapeva da settimane in questi giorni è diventato ufficiale: dopo l’Europeo in Francia, Antonio Conte non sarà più il ct della Nazionale Italiana. Quello che invece non è ancora stato ancora detto, ma che è praticamente fatto, è che l’ex allenatore della Juventus volerà in Inghilterra per allenare il Chelsea del ricco patron russo, Roman Abramovich.

“MI MANCAVA UN CLUB’’ – Conte ha giustificato la scelta di abbandonare la panchina azzurra (comunque andrà l’Europeo) con il desiderio di tornare a lavorare quotidianamente con un club, oltre a un feeling mai sbocciato con le società di Serie A. E la sfida che avrà il tecnico pugliese è di quelle allettanti: per il Chelsea sarà infatti l’annozero dopo la fine del ciclo Mourinho e un’annata piena di delusioni. In questo Conte è maestro, basti vedere come ha rilanciato a grandissimi livelli la Juventus, ma sarà il banco di prova importante per mettersi alla prova anche oltre i confini nazionali. “Ringrazio Tavecchio che quotidianamente mi accompagna in questa splendida avventura. Sento di dover tornare a fare l’allenatore in un club avendo così la possibilità di allenare tutti i giorni”, le parole di Conte che assicura di avere il pensiero solo a Francia 2016: “Chi mi conosce sa che il mio impegno sarà totale, in questo momento la nostra concentrazione massima è rivolta unicamente all’Europeo dove cercheremo con il lavoro e il sacrificio di sfruttare al meglio le nostre potenzialità”.

CHI AL SUO POSTO? – Il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, è già alla ricerca del successore di Conte. Tante idee, ma nessun favorito per ora. Anzi, le certezze arrivano semmai da chi si è tirato indietro: è il caso di Fabio Capello, attualmente libero dopo la negativa esperienza con la Russia, che tuttavia non vede di buon occhio la possibilità di allenare gli azzurri. Altri “no grazie” sono arrivati per esempio da Claudio Ranieri e Roberto Mancini, che preferiscono continuare le rispettive avventure con Leicester e Inter. Circola il nome di Roberto Donadoni (sarebbe un clamoroso ritorno), ma anche qui è difficile ipotizzare che l’ex ala del Milan rinunci a un progetto ambizioso come quello del Bologna. Vale lo stesso per Alberto Zaccheroni, che ha da poco firmato un ricco contratto in Cina, e Carlo Ancelotti, che sostituirà Guardiola sulla panchina del Bayern Monaco. Dunque, si potrebbe scommettere su un ct giovane come Fabio Cannavaro o Filippo Inzaghi o affidarsi a chi come Gianni De Biasi ha l’esperienza giusta per un ruolo così prestigioso. E voi, chi vedreste bene al posto di Conte?

Francesco Carci

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi disoccupazione elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Napolitano Nencini Onu Oreste Pastorelli pd Pdl pensioni Pia Locatelli psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE Unione europea USA



Lascia un commento