lunedì, 5 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Primarie Roma. NCD appoggia Marchini
Pubblicato il 18-03-2016


marchiniSi aggroviglia ancora il problema delle primarie a Roma, soprattutto a destra. Dopo l’annuncio di NCD, tramite il ministro della Sanità Beatrice Lorenzin, sull’appoggio alla candidatura di Marchini, sempre a destra arriva la dichiarazione della leader di FdI, Giorgia Meloni: “Non temo né Raggi né Giachetti ma, se non arrivassi al ballottaggio voterei Raggi anche se trovo deludente la storia di M5S perché speravo di avere degli alleati in Parlamento su alcuni argomenti di rottura. Poi ho capito che per loro l’unica cosa importante è che loro sono puliti e gli altri spazzatura e non ti aiutano mai a portare a casa un risultato”. Una dichiarazione che ha infastidito Francesco Storace: “Evidentemente non sono un suo alleato perché io le avrei detto sì. Del resto, preferisce la Raggi…”. Così il leader de La Destra e candidato sindaco di Roma Francesco Storace risponde a Giorgia Meloni che si è detta favorevole a delle primarie nel centrodestra se organizzate “in due settimane”.
“Nel centrodestra, dopo aver fatto naufragare le primarie, i candidati farebbero bene a riflettere sulla mia proposta Basta trascurare per qualche ora la Tv…” aggiunge. Oggi Storace ha proposto ai candidati sindaco Giorgia Meloni, Guido Bertolaso e Alfio Marchini un incontro per trovare una “strada unitaria” per la sfida Campidoglio. Su Bertolaso restano i dubbi proprio dei due leader più giovani di destra, Giorgia Meloni e Matteo Salvini che ha affermato: “Sono grato a Berlusconi per quello che ha fatto e farà ma penso e spero che Forza Italia cambi un po’ di classe dirigente”.
L’invito del leader del carroccio all’ex Cavaliere è proprio quello di mettere da parte l’ex numero uno della protezione civile. “Vi ricordate cosa accadde con la Polverini? – è la domanda che Berlusconi ha rivolto ai suoi fedelissimi – riuscì a vincere nonostante il caos e la mancata presentazione delle liste”.
“Mi infastidisce anche che ogni volta vengo tirato per la giacca in un teatrino che non mi interessa, non mi appartiene e che guardo come spettatore neanche troppo divertito”, afferma invece risentito Alfio Marchini.
La partita che si gioca a destra rischia di ripetersi anche in altre città, mentre a sinistra i sondaggi su Giachetti ridanno respiro al Partito che ha chiesto le dimissioni dell’ex sindaco Marino. Roberto Giachetti segue solo la popolarissima pentastellata Virginia Raggi al 22%, il candidato dem è al 21,3, penalizzato soprattutto dalla forte indecisione dei suoi elettori: avrà tanto successo quanto più riuscirà a riconquistarli. Ma a tallonarlo (al 19,8%) c’è la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, che gode invece di un tasso di notorietà altissimo.

Redazione Avanti!

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento