sabato, 10 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Alessandro Formichella:
Quale voto socialista sulle trivelle?
Pubblicato il 09-03-2016


Caro Direttore Mauro del Bue,
il 17 aprile prossimo si vota un Referendum che più per l’importanza del momento o ricadute immediate, lancia un messaggio chiaro e profondo quanto il mare.

No Trivelle, ossia No ad accettare l’uso incondizionato del sottosuolo marino del Mediterraneo entro le 12 miglia finchè il giacimento non ha esaurito le risorse. I giacimenti, anche con la vittoria del SI al referendum, restano ma necessitano di concessioni rinnovabili dallo Stato.

Non solo: è accertato che impianti di trivellazione rovinano il mare, e quindi flora e fauna marina, oltre a compromissioni economiche sul turismo. Trivelle entro le 12 miglia ancora molto e molto di più.

La questione, però, più che tecnica, mi sembra politica. Il petrolio, anche se oggi è tornato sopra i 35 dollari a barile, segna una sovrapproduzione quantitativa che non mette d’accordo neppure l’Opec, come del resto il suo prezzo. I costi di un impianto di estrazione sono enormi e in genere si ammortizzano in oltre dieci anni. L’uso del petrolio e suoi derivati sta scendendo. L’americana Tesla sta mettendo sul mercato un’altra auto elettrica a 27.000 dollari che entro l’estate dovrebbe essere anche sul mercato europeo. Stessa cosa ormai da tempo per la Hyundai e la Toyota.

Pur in mancanza di una politica industriale ed economica chiara, le energie da fossili calano. La strada è quella di una nuova economia sul riciclo delle rinnovabili e sull’economia circolare. Noi socialisti, come credo ci indicherebbe Giorgio Ruffolo, spero che ci troveremo il 17 Aprile a dare impulso a una new economy, per quanto difficile, e a lasciare da parte il secolo del carbone e del petrolio. Lei cosa ne pensa?

fraterni saluti,
Alessandro Formichella

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento