domenica, 4 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Manfredi Villani:
C’è un’alternativa
alla pirolisi di Retorbido
Pubblicato il 21-03-2016


Il giornale La Provincia Pavese nella cronaca locale del 17 marzo 2016 riporta un intervento di Roberto Lodigiani sul NO dell’Amministrazione provinciale di Pavia per la pirolisi di Retorbido: stop alle compensazioni proposte dall’Azienda Italiana Energetica TIRE per l’inceneritore degli pneumatici fuori uso presso l’ex fornace Valdata. Il NO al suddetto inceneritore era stato già dato con il boicottaggio pacifico attuato dalle cittadinanze di Retorbido, Rivanazzano e Torrazza Coste le quali chiesero anche lo stop alle centraline per il monitoraggio dell’aria. L’altolà è arrivato dal settore sviluppo e lavoro dell’Amministrazione provinciale di Pavia con un ulteriore No ritenendo il progetto IET incompatibile anche per l’impatto sul traffico veicolare locale. La viabilità della zona non è in grado di sostenere il traffico dei mezzi pesanti causabile dalla logistica di trasferimento dei PFU (pneumatici fuori uso). Si tratterebbe di movimentare sulla strada provinciale Bressana-Salice Terme in media 100 tonnellate al giorno, sette giorni alla settimana, per un totale annuo di 32 mila tonnellate di PFU. Lo stop della Provincia di Pavia, guidata dal Presidente Daniele Bosone, blocca persino il tentativo di cominciare a discutere di compensazioni ambientali. Insomma la proposta IET è semplicemente irricevibile. Resta il nocciolo della chiara ed evidente opposizione all’impianto che per varie ragioni elencate dalla Provincia non può essere realizzata presso l’ex Valdata di Retorbido. Una petizione anti pirolisi risulta essere stata già inviata anche all’UE. Si chiede alle istituzioni europee di  intervenire per bloccare il progetto IET per incenerire pneumatici fuori uso sul territorio comunale di Retorbido. La petizione è stata depositata in Unione Europea dal parlamentare europeo Alberto Cirio. Alla petizione sono allegate 126 firme dei sindaci del territorio pavese ed alessandrino, contrari all’impianto. L’onorevole Cirio ha sottolineato nella sua petizione che rispetto alla pirolisi ci sono tecnologie più sostenibili per riciclare gli pneumatici fuori uso. Soluzioni che assicurano il minore impatto ambientale in effetti ci sono già. In attesa che l’iter della petizione faccia il suo corso, con tempi che ascendono in autunno 2016, occorre rassicurare le cittadinanze coinvolte. Una soluzione ambientalistica, tecnologicamente valida, per valorizzare gli pneumatici fuori uso senza fare uso di pirolisi è contenuta in un progetto Waterjet in grado di triturare PFU mediante impiego e recupero di acqua ad alta pressione. L’acqua viene usata come utensile per il taglio dei fianchi del battistrada di pneumatici e la disgregazione della mescola di gomma. Il trattamento anticipa il recupero del metallo di supporto del PFU. La descrizione tecnica dell’impianto, curata dalla MIDIS spa elenca aree di lavoro composte da 10 blocchi di processo: stoccaggio e selezione, pulizia e lavaggio, preparazione e taglio, disgregazione, asciugatura, selezione granuli polverino, stoccaggio granuli polverino,recupero acqua e depurazione, trattamento di raffinazione acciaio. Oltre alla gomma disgregata vi sono le parti metalliche da asportare che vengono eliminate in automatico per gli pneumatici di autocarri e manualmente per gli pneumatici oversize. Il personale indicativamente previsto da impiegare per ogni turno di 8 ore è di 5 operatori. Un convegno sul tema ‘No alla pirolisi, sì al territorio’, si è svolto di recente a Voghera presso il teatro Adolescere.Vi parteciparono, oltre alle cittadinanze interessate, l’onorevole Chiara Braga (sottosegretario all’Ambientedi Pavia), Massimo Florio (commissione Agricoltura Camera), Chiara Scuvera e Alan Ferrari (parlamentari pavesi), Giuseppe Villani (consigliere regione Lombardia) e una folta rappresentanza dei Comuni pavesi e dell’Amministrazione provinciale di Pavia.

Manfredi Villani

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento