mercoledì, 7 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Mario Mosca:
A sostegno di Matteo Renzi
Pubblicato il 03-03-2016


Gentile Direttore,
sono colpito dalla quantità di “fuoco amico” che il capo del governo Renzi subisce da qualche tempo. Capisco che chi è all’opposizione faccia l’opposizione, anche se devo dire che, pur sforzandomi, non ricordo opposizione più inquietante di quella di oggi, ma che Renzi debba subire tante critiche proprio da ambienti che dovrebbero sostenerlo, questo sfugge alla mia comprensione.

Anche sulle pagine dell’Avanti! leggo commenti e lettere da cui traspare insofferenza se non, in qualche caso, aperta acredine nei confronti del capo del governo.

Signori, ma ci siamo dimenticati di cosa abbiamo avuto prima di Renzi? Ora che abbiamo, finalmente, un primo ministro giovane, che ha entusiasmo, che si presenta bene e non ci fa sfigurare all’estero, una persona per bene che lavora seriamente e a ritmi sostenuti, e, soprattutto, che guida una compagine che, ed era ora! mette mano a delle riforme importanti, suvvia e diamogli un po’ di sostegno! Certo, non tutto è sempre condivisibile, tante cose sono migliorabili, ma un po’ di ottimismo non guasterebbe.

Cordiali saluti,
Mario Mosca

Mario Mosca

Sono nato a Napoli nel 1976, cresciuto in penisola sorrentina, attualmente risiedo a Budapest, Ungheria. Accompagno gruppi di turisti di lingua inglese in viaggi ed escursioni in tutta Europa.

More Posts

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Ottimismo: è l’unica vera strategia di Renzi. Ma la realtà è differente e l’ottimismo non basta. Per disgrazia nostra il “giovanotto” non ha uno straccio di politica economica e vaga nel buio senza una meta precisa. siamo ottimisti, suvvia!

Lascia un commento