martedì, 6 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Srebrenica. L’Aja condanna Karadzic a 40 anni
Pubblicato il 24-03-2016


Radovan KaradzicDopo più di vent’anni dalla guerra e dal genocidio nel cuore dell’Europa, il Tribunale penale internazionale dell’Aja ha condannato a 40 anni Radovan Karadzic per i crimini di guerra nell’ex Jugoslavia e per lo sterminio della popolazione maschile a Srebrenica.
Radovan Karadzic, 70 anni, ex leader politico dei serbi di Bosnia, è stato giudicato colpevole di genocidio per la strage di Srebrenica del 1995, in cui vennero uccisi 8000 musulmani, e colpevole di crimini contro l’umanità per l’assedio di Sarajevo e altre città e villaggi durante la guerra in Bosnia degli anni ‘90.

Undici i capi d’imputazione nei confronti di Karadzic, tra cui due per genocidio e 5 per crimini contro l’umanità, tuttavia è stato giudicato «non responsabile» del primo dei due capi d’accusa di genocidio a suo carico, la camera infatti non è stata capace, sulla base delle prove presentate, di identificare un’intenzione di genocidio da parte dell’accusato, così come ha chiarito il giudice O-Gon Kwon.

Il 6 aprile del 1992 i serbi, guidati da Karadzic, diedero il via all’assedio di Sarajevo durato fino al 95. Bombardamenti contro civili, massacri, distruzione e terrore, un assedio che fece oltre 10 mila vittime. Secondo l’Aia, Karadzic fu colui che ordinò la pulizia etnica dei musulmani e dei croati di Bosnia. Il verdetto è stato particolarmente atteso anche a Srebrenica dove ha riportato a galla quella che è stata definita la peggiore atrocità della guerra in Bosnia e la peggiore in Europa dopo la seconda guerra mondiale. Dalla fine della guerra la città multietnica di Srebrenica è passata da quasi 40mila abitanti a 7mila.

Questo verdetto aiuterà a sanare le ferite o le riaprirà?

Memoriale al genocidio di Srebrenica

Maria Teresa Olivieri

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento