martedì, 6 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Ue. Stessi diritti ai minori
nel processo penale
Pubblicato il 09-03-2016


minoriL’Europa tenta di assicurare gli stessi diritti ai minori sotto processo. Oggi sono state approvate dai deputati di Strasburgo le nuove norme per garantire che i minori indagati o accusati di un crimine ricevano un processo equo in qualsiasi Stato UE si trovino.

La direttiva è stata approvata con 613 voti favorevoli, 30 voti contrari e 56 astensioni, ed era già stata concordata con il Consiglio Europeo lo scorso dicembre. Essa stabilisce il diritto per i minori di diciotto anni a essere assistiti da un avvocato e accompagnati dal titolare della responsabilità genitoriale (o da un altro adulto idoneo) nel corso del procedimento. Le eccezioni a questo diritto sono valide solamente nel caso in cui sia ritenuto non proporzionato alle circostanze del processo o, in casi eccezionali, nella fase pre-processuale, se è nell’interesse superiore del minore.

“Nasce il giusto processo penale minorile europeo. Sul piano giuridico e dei diritti della persona, si tratta di un atto di maturità e di una svolta storica nella legislazione dell’Unione Europea, perché per la prima volta viene introdotta una disciplina specifica dei procedimenti penali nei confronti di minori”. Così l’eurodeputata di S&D Caterina Chinnici, relatrice del provvedimento, ha salutato l’approvazione di quella che rappresenta una garanzia procedurale comune e comunitaria per i minori penalmente indagati o imputati.

“Il testo – spiega l’Eurodeputata – presenta un elenco di diritti e di garanzie per un modello comune europeo di giusto processo per i minori, in cui trovare un equilibrio tra la necessità di accertamento della responsabilità del crimine e quella di tenere in debita considerazione la vulnerabilità dei minori e le specifiche esigenze. Il risultato ottenuto rispecchia in modo significativo l’esperienza italiana in questo campo”.

Tra i diritti garantiti al minore anche quello sulla tutela della privacy durante il procedimento penale e la formazione specifica per giudici, pubblici ministeri e tutti i professionisti coinvolti nell’amministrazione della giustizia minorile.

La direttiva deve ora essere formalmente approvata dal Consiglio dei ministri. Restano fuori in ogni caso dalla direttiva Danimarca, Regno Unito e Irlanda perché hanno scelto di non appoggiarla.

Redazione Avanti!

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento