giovedì, 8 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Veneto Banca:
una medaglia di legno
Pubblicato il 11-03-2016


unione bamcariaSembra che l’emblema di Veneto Banca – L’aeroplano – sia “quasi” venduto. Se è vero, i nuovi vertici (sono lì da oltre due anni) dell’istituto di Montebelluna meritano una standing ovation per questa decisione.

I “fenomeni” di ultima generazione del Gruppo bancario nell’anno passato hanno maturato una perdita che sfiora gli ottocentomila euro, ciò nonostante i proventi della vendita del Jet – simbolo dello spreco – dovrebbero essere utilizzati per risarcire i tanti azionisti che, a causa dell’azzeramento di valore dei titoli, si trovano in situazioni di indigenza. Mi parlano, per esempio, di una signora ottantenne che per l’azzeramento delle azioni (sola al mondo) deve lasciare il ricovero per anziani. La banca, se cogliesse questo suggerimento, farebbe un grande gesto di solidarietà oltre che dimostrare riconoscenza ad un territorio che gli ha dato il sudore del suo lavoro. Un gesto, quello del gruppo bancario di Montebelluna, che non lascerebbe indifferenti i suoi correntisti, una azione dal grande significato simbolico proprio perché verrebbero utilizzati i ricavi della vendita dell’aeroplano “feticcio” della loro passata grandeur.

Ho seguito l’impegno dell’associazione AAVB e del suo Leader, Dr. Giovanni Schiavon, già magistrato e Presidente del Tribunale di Treviso; mi chiedo se non lui stesso possa essere il promotore e garante di un’operazione di rilancio dell’immagine di AAVB prima di appendere i guantoni al chiodo. Sento già qualcuno obiettare che la cosa non e’ possibile perché la BCE lo impedisce.

Allora mettiamola così, quante volte Comuni e Nazioni hanno chiesto lo sforamento del patto di stabilità per migliorare la vita dei propri cittadini? Lo facciano anche i vertici di Veneto Banca per confermare il loro spessore morale. L’Associazione Azionisti di Veneto Banca, invece, proprio perché guidata da un già magistrato di grande spessore etico, dovrebbe concludere la sua corsa con onore ed impegnarsi allo stremo, – insieme alla governance della stessa Veneto Banca -, perché questa impresa possa essere portata a compimento e guadagnarsi, almeno, – tutti e due -, una medaglia di legno e non un paio di orecchie lunghe e pelose.

Angelo Santoro

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento