mercoledì, 7 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Vola la produzione industriale. Ai massimi dal 2011
Pubblicato il 11-03-2016


Auto-aumento produzione

Dopo quelli arrivati sulla disoccupazione, oggi è la volta dei dati della produzione industriale che a gennaio hanno visto un aumento dell’’1,9%. Lo rileva l’Istat nella misurazione rispetto a dicembre dello scorso anno. L’aumento diventa più significativo se paragonato a gennaio del 2015 rispetto al quale l’aumento è del 3,9. Si tratta dei risultati migliori da agosto 2011. I segni più contraddistinguono tutti i comparti a partire dai beni strumentali (+5,7% sul mese, +9,5% sull’anno). Seguono i beni intermedi (+2,5% sul mese, +2,3% sull’anno), l’energia (+1,8% sul mese, +2,8% sull’anno) e i beni di consumo (+0,5% sul mese, +1,2% sull’anno). I settori che registrano i maggiori aumenti tendenziali sono quelli della fabbricazione di mezzi di trasporto (+10,9%), della produzione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (+10,3%) e della fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche, altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (+7,9%). Le diminuzioni maggiori si registrano nei comparti dell’attività estrattiva (-3,9%), delle industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori (-1,6%) e delle industrie alimentari, bevande e tabacco (-0,6%). Considerando i dati grezzi invece di quelli corretti per gli effetti di calendario l’aumento tendenziale della produzione si riduce allo 0,7% a causa di una differenza nei giorni lavorativi (19 a gennaio 2016 contro i 20 di gennaio).

Particolarmente elevata la crescita del settore auto che continua a crescere a due cifre. A gennaio infatti la produzione italiana di auto è aumenta del 20,9% rispetto all’anno precedente. La fabbricazione dei mezzi di trasporto in generale è il settore di attività economica che registra il maggiore incremento tendenziale (+10,9%)

Intanto continuano a farsi sentire gli effetti delle parole di Draghi che ieri ha annunciato una serie di misure straordinarie. Le borse hanno chiuso infatti in forte rialzo con Milano che ha riagguantato i massimi di fine gennaio. Il Ftse Mib ha guadagnato il 4,80% a 18.987 punti. Insomma in scia alle mosse della Bce il Vecchio Continente accelera. E’ soprattutto sui bancari che si concentrano gli acquisti

Edoardo Gianelli

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento