domenica, 4 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Aleppo sotto le bombe, colpito un altro ospedale
Pubblicato il 29-04-2016


Aleppo Siria bombardamentiContinua il martirio di Aleppo dove l’esercito regolare sta cercando di strappare la seconda città della Siria al controllo dei ribelli. Oggi è stato colpito un altro ospedale nei bombardamenti dell’aviazione siriana e sette persone, tra cui un infermiere, sono rimaste ferite. Lo riferisce la televisione panaraba Al Jazira citando “fonti degli attivisti”. Secondo le stesse fonti sono 20 i raid compiuti oggi su aree della città controllate dai ribelli. Secondo l’agenzia governativa Sana, è di almeno 8 persone il bilancio dei bombardamenti con mortai che i ribelli hanno compiuto contro una moschea. Ledificio religioso si trova nel quartiere Midan, che è sotto il controllo deelle truppe lealiste. Altre vittime sono segnalate dalla Sana in un altro bombardamento sul quartiere di Bab al Faraj.

Complessivamente è di oltre 200 civili uccisi, di cui più di 50 bambini e 20 donne, in una settimana di bombardamenti aerei e di artiglieria, il bilancio dell’inasprimento della violenza su Aleppo. Secondo l’Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus), sono 202 i civili morti dal 22 al 28 aprile ad Aleppo e dintorni.

Intanto continua a suscitare profonda emozione il ricordo struggente dell’“ultimo pediatra di Aleppo” scritto dal dottor Hatem, direttore dell’ospedale dei bambini di Aleppo. Sul portale The Syria Campaign Hatem ha voluto ricordare Muhammad Waseem Maaz, 36 anni, prossimo alle nozze, “che pensava prima a salvare le vite dei bambini e poi la sua”. L’ultimo pediatra della città è stato ucciso in un raid aereo compiuto da velivoli del regime contro un ospedale gestito dalla Croce rossa internazionale e da Medici senza frontiere. “Era la persona più amata di tutto l’ospedale” è scritto nellla lettera-ricordo che ha già avuto oltre 30mila condivisioni.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento