venerdì, 9 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Appalti. Nencini, ora più trasparenza
Pubblicato il 15-04-2016


Appalti-Codice

Il consiglio dei ministri ha oggi dato il via libera al nuovo codice appalti. “Più trasparenza e certezza su inizio e fine di una grande opera ne sono i pilastri accanto al dibattito pubblico e alla regolamentazione dei gruppi di interesse” ha commentato il segretario del Psi e vice ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Riccardo Nencini.

Per il Presidente del Consiglio Matteo Renzi il “Codice degli appalti rappresenta un passaggio in avanti tutt’altro che secondario è un’operazione che continua nella direzione di sbloccare i lavori in Italia”. Con il nuovo codice degli appalti, ha aggiunto Renzi “abbiamo chiuso le strade alla corruzione: questo governo sta lavorando con determinazione e dedizione non voglio dire sconosciuti prima. La lotta alla corruzione è una priorità, siamo assolutamente in prima fila”. Il vecchio codice “aveva 660 articoli e 1500 commi, più le norme successive, le competenze sovrapposte, le stratificazioni. Passiamo a un codice di 217 articoli con le linee di indirizzo generale affidate al lavoro dell’Anac, l’Autorità anticorruzione guidata da Cantone. Si semplifica moltissimo e si porta un’organizzazione decisamente più semplice e funzionale”.

Nel nuovo codice Renzi indica cinque elementi chiave: “Una spinta digitalizzazione, garanzia di trasparenza e semplicità, la massima semplificazione con la ‘soft law’ e le linee guida che sostituiscono il dettagliato intervento coma per comma, la grande capacità di riduzione del numero degli articoli, l’insistenza sulla buona progettazione”. “C’è anche attenzione al lavoro, il rafforzamento di Anac nel ruolo di garanzia”.

Con il nuovo codice degli appalti che archivia la Legge Obiettivo “dove – ha aggiunto il Ministro delle Infrastrutture Graziano Del Rio – tutto era urgente e prioritario, torniamo ad una sana e pragmatica concretezza. Credo sia una grande rivoluzione della normalità e della semplicità. Ritorna centrale il progetto”.

Redazione Avanti

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento