martedì, 6 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Breivik odia la sinistra
ma ne usa le conquiste
Pubblicato il 21-04-2016


Utoya vittime“Nessuno può essere sottoposto a tortura né a trattamenti inumani e degradanti”. L’articolo 3 della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, firmata a Roma il 4 novembre 1950 e ampliata a Parigi il 20 marzo 1952, non ammette eccezioni, neppure per lo stragista Anders Behring Breivik. Leggere il testo della Convenzione, in lingua francese, pubblicata in Italia sulla Gazzetta Ufficiale del 4 agosto 1955 e promulgata dal Presidente della Repubblica Gronchi con Moro Guardasigilli, ancora emoziona. La Convenzione è un caposaldo della nostra civiltà.

Ieri la Giustizia norvegese ha stabilito che cinque anni di isolamento in carcere sono troppi e violano l’articolo 3 della Convenzione. Breivik ha ucciso 8 persone con un’autobomba a Oslo e 69 ragazzi, per lo più adolescenti, nell’isola di Utoya. La Norvegia è stata ferita nel profondo. Eppure un giurista norvegese mi disse: “Per ciò che ha fatto questo mostro, neppure la morte sarebbe una pena sufficiente. La vera vittoria per la Norvegia sarà rieducare Breivik basandoci sui nostri valori”.

In effetti, a ben guardare, il fatto che Breivik si sia rivolto alla Giustizia norvegese, con un ricorso fondato proprio sulla Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e’ un punto dirimente. Breivik è un nazionalista xenofobo che odia il multiculturalismo e gli accordi sovranazionali. La Convenzione e’ già di per sé un accordo multinazionale. Fu firmata dai Governi di Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Islanda, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Olanda, Norvegia, Svezia, Turchia e Regno Unito. La Convenzione cita in premessa la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, emanata dall’Assemblea generale dell’Onu il 10 dicembre 1948. “L’Onu è da boicottare – scrisse Breivik tra il 2009 e il 2011 nel suo manifesto politico – perché pesantemente infiltrata dai Paesi islamici. E’ venuto il tempo di dire addio alle Nazioni Unite”.

Ammesso e non concesso che Breivik si sia fondato sulla Convenzione dei diritti dell’uomo perché varata da Paesi europei, democratici e non islamici, va sottolineato che per lo stragista norvegese “la Corte europea dei diritti dell’uomo è una entità controllata dai marxisti/multiculturalisti. Un esempio è il caso del 2009 con il divieto di esporre il crocifisso nelle aule scolastiche italiane”. E La Ue? “È una specie di Unione Sovietica – scrisse Breivik – priva di democrazia. Francia, Olanda e Irlanda bocciarono con i referendum i Trattati europei, eppure tutto continuò come su nulla fosse”. Per Breivik “l’Unione Europea ha una deliberata strategia di graduale islamizzazione dell’Europa. Il progetto è quello dell’Eurabia”.

Insomma, Breivik si è rivolto ad una Convenzione varata proprio dall’Onu e dall’Europa. In termini ideologici, lo stragista tutto d’un pezzo, che fa il saluto nazista e vuole cacciare tutti gli immigrati islamici dall’Europa entro il 2083, ha compiuto un primo cedimento. La sua linea Maginot ha perso un pezzo. Nella sua Weltanschauung il carcere duro è benvenuto. “Per i traditori marxisti/multiculturalisti ci sarà la pena di morte”. Questo va bene per gli altri, ma non per lui. Per lui è meglio appellarsi alle rassicuranti Convenzioni europee sui diritti dell’uomo. Il prossimo passo di Breivik sarà quello di rivolgersi proprio alla Corte europea dei diritti dell’uomo? Gli xenofobi nazionalisti e neonazisti di tutta Europa stanno perdendo il loro guru…

Luca Mariani
Autore del libro ‘Il silenzio sugli innocenti’

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento