venerdì, 9 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Caso Regeni. Missione egiziana a Roma Il 7 aprile
Pubblicato il 04-04-2016


Verita Giulio RegeniDopo le incertezze dei giorni passati, oggi l’annuncio ufficiale che l’incontro tra gli inquirenti e gli investigatori di Italia ed Egitto che indagano sulla morte di Giulio Regeni è stato fissato ufficialmente e si svolgerà a Roma in due giornate, il 7 e l’8 aprile prossimi. All’incontro, per la parte egiziana, parteciperanno due magistrati e tre funzionari di Polizia. C’è grande attesa per questo incontro dopo le mezze verità, i depistaggi, le resistenze da parte egiziana a far conoscere all’Italia lo stato delle indagini sulla morte del giovane ruicercatore italiano a due mesi dal ritrovamento del corpo. Come anticipato dalla stampa cairota, le autorità locali hanno preparato un dossier sulla vicenda di 2000 pagine che indica le linee generali del crimine e la scomparsa del corpo, nonché le indagini “su 200 persone di diverse nazionalità che avevano relazioni con la vittima”. “Nel quadro della cooperazione internazionale concernente l’omicidio del ricercatore Giulio Regeni – sottolinea un comunicato del Dipartimento di Pubblica Sicurezza – il 7 e l’8 aprile prossimi si svolgeranno a Roma i previsti incontri tra magistrati e investigatori egiziani ed italiani, per fare un punto di situazione sulle indagini svolte” dalle autorità del Cairo “ed esaminare la relativa documentazione”. Per l’Italia all’incontro ci saranno i magistrati della procura di Roma, gli investigatori del Servizio centrale operativo della Polizia e del Raggruppamento operativo speciale dei Carabinieri. Crescono intanto le pressioni per far luce sulla vicenda che è potenzialmente in grado di far naufragare lo stato dei rapporti tra l’Italia e l’Egitto. Il direttore del maggior quotidiano del Cairo, Al Ahram, Mohamed Abdel Hadi Allam auspica che “prima del momento della verità (la trasferta in Italia degli investigatori egiziani, ndr) esortiamo lo Stato a portare in giudizio gli autori del crimine”. Il direttore invita Il Cairo ad “annunciare con trasparenza le verità trovate o le dimissioni dei negligenti che sono responsabili direttamente di questo incidente, per salvare la reputazione dell’Egitto, il suo posto e la sua credibilità sul piano internazionale”. Il direttore di Al Ahram insiste sul rischio che l’intera vicenda può avere sulle relazioni bilaterali con l’Italia e lancia un invito a non sottovalutare la situazione, soprattutto considerando che il governo italiano è sotto la pressione di opinione pubblica e Parlamento sul caso Regeni.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento