giovedì, 8 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Dopo il congresso
Pubblicato il 17-04-2016


E’ stato un bel congresso, forse il migliore di quelli convocati dal 2008. Un congresso molto partecipato, con settecento socialisti presenti in sala, magnificamente organizzato dai socialisti di Salerno, reduci da un brillante risultato alle elezioni regionali, col 6% e un consigliere regionale eletto. Riccardo Nencini è stato riconfermato segretario praticamente all’unanimità con due sole astensioni (una la sua) ed è stato più volte ringraziato come uomo di governo, soprattutto dai prestigiosi ospiti (la Camusso per la Cgil, Barbagallo per la Uil che ha ribadito le origini e il carattere socialista della sua organizzazione e la Serrachiani, autorevole vice segretaria del Pd) per avere varato la nuova legge sugli appalti anche dopo un proficuo dialogo con le organizzazioni sindacali.

Il congresso è stato in larga parte dedicato al tema della prospettiva liberalsocialista. Il perimetro è ancora molto vasto e merita ulteriori approfondimenti. Che il mondo radicale rappresenti un interlocutore è fuori discussione. La stessa proposta di nominare Pannella senatore a vita, che ho formulato nel mio intervento e che Nencini ha ripreso e rilanciato nelle conclusioni, rappresenta il doveroso omaggio all’uomo e alla sua storia, ma anche quel desiderio di marciare uniti, come del resto auspicato dal radicale Maurizio Turco nel suo bell’intervento.

Ma i socialisti e i radicali e le loro grandi battaglie per i diritti civili, incorporate nei club Loris Fortuna che si dovranno formare in ogni provincia, non bastano per le future sfide. Servono altri interlocutori: gli ambientalisti riforrmisti, i laici che stanno dalla parte dei diritti degli infedeli e non certo degli islamisti comunque camuffati e poi, certo, anche i cattolici non integralisti. Ma per riuscire nell’intento sono importanti tre condizioni.

La prima è che il mondo socialista si ricomponga. Dalla crisi del berlusconismo si sono liberate molte energie che avevano trovato rifugio nel periodo del bombardamento giustizialista di una sinistra illiberale. Oggi queste energie possono trovare nel Psi il loro naturale approdo. E poi mi riferisco a tutti i socialisti insoddisfatti e dissidenti. Che vengano a darci una mano, anche a criticarci e magari a migliorarci. Noi non consideriamo il Pd, che si divide perfino sulla legge più moderata del mondo per le unioni civili, un partito omogeneo col socialismo europeo. Poi vi è l’assoluta neccessità di mettere in calendario alcune battaglie qualificanti e originali. La conferenza programmatica ha fornito un contributo di alto livello. Dalla cogestione, al reddito di cittadinanza, dalla stepchild adoption al fine vita non sono mancate idee e anche sugggestioni.

Aaggiungiamoci le due richieste che Nencini ha avanzato sulle revisioni di Dublino e di Maastricht. Ma su un punto occorrerà affinare le lance. E cioè sulla modifica dell’Italicum. Su questo punto anche la presenza di una lucertola ha segnalato il dissenso dalla parole della Serrachiani che si pronunciava favorevole al premio alla lista. Anche il partito di Alfano, se non vorrà confluire nel Pd, dovrà mostrare le unghie. Intanto dal sottosegretario Pd Nannicini è venuta una proposta da accogliere con soddisfazione. Rileggiamo e attualizziamo la conferenza sui meriti e i bisogni. Come dire, se la sinistra vuol dire qualcosa di nuovo deve visitare il passato socialista…

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Sì, è stato un bel congresso, molta energia e molte presenze vivaci, motivate, e con un bello spirito propositivo. Lavorare per cambiare Maastricht (per me criticabile fin dall’inizio), per un Partito Socialista Europeo più omogeneo e coraggioso, fare in modo che l’Italicum così com’è non passi. Il ‘segno’ della lucertola è un simbolo della Conoscenza, stava dicendo alla Serracchiani che non andava bene quello che stava dicendo..sembra addirittura che l’abbia capito (almeno, al momento..) Ci sarebbero temi da approfondire e lavoraci su : la cultura, la scuola, la partecipazione, le relazioni umane, una medicina olistica etc. Ci aspettiamo che i club Loris Fortuna siano strumenti aperti .. attendiamo come parteciparvi.

  2. Sembra si debba escludere la disponibilità a modificare l’Italicum per assegnare il premio alla coalizione anziché alla lista. Renzi e Serracchiani l’hanno dichiarato apertamente. Proviamo allora a far togliere la soglia di sbarramento perché la lista vincente avrà comunque la maggioranza dei deputati e i partiti minori possono almeno sperare dieleggere qualche deputato per essere rappresentati, siano essi in maggioranza o meno. L’Italicum è una legge ingorda e dobbiamo avversarla in tutti i modi. Di indigestione si può morire!

  3. Caro Direttore, essendo in giro per lavoro non ho potuto seguire le dirette della preziosa Radio Radicale ( unica a darci spazio, su corriere.it e altri stendo un velo pietoso… ) e mi farebbe molto piacere poter ascoltare gli interventi del Congresso, almeno il Suo e quello del Sig. Segretario Nencini. Esiste un modo, o un “link” ?
    Cortesemente saluto e ringrazio.
    Mario.

Lascia un commento