sabato, 10 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il renzismo logorato
Pubblicato il 05-04-2016


Tira una brutta aria per il governo Renzi. Federica Guidi è stata costretta a dimettersi da ministra dello Sviluppo economico; Maria Elena Boschi, ministra per i Rapporti con il Parlamento e delle Riforme, è stata interrogata dai magistrati negli uffici della presidenza del Consiglio. Sia la prima sia la seconda sono ritenute “persone informate dei fatti” dai magistrati che indagano sul caso petroli in Basilicata.

È un terribile colpo non solo al governo, ma allo stesso Matteo Renzi. È una lesione alla sua immagine. Rischia di sfumare la sua carica innovativa, quella della sua “nuova politica” corretta ed efficiente, contro la “vecchia politica” dell’immobilismo e degli affari. Incombe l’omologazione, uno spettro ricacciato dal presidente del Consiglio e segretario del Pd. Presiedendo la direzione democratica ha scandito: «Noi non siamo come gli altri. Se qualcuno ruba si proceda e si metta in galera». Ha insistito: «Noi non siamo uguali agli altri: sia stampato in testa a chiunque abbia dubbi». Anzi, rivendicando la bontà delle scelte, ha avocato su di sé ogni responsabilità politica per la realizzazione degli impianti petroliferi in Basilicata: «Se è reato sbloccare le opere, io sono quello che sta commettendo un reato».

Rischia di essere messo in discussione l’intero renzismo: le riforme strutturali del governo, “la rivoluzione pacifica” per restituire competitività all’economia e per modernizzare le istituzioni pubbliche. Rischia di andare sotto accusa la stessa filosofia, l’anima del governo Renzi nato nel febbraio 2014, poco più di due anni fa, per portare l’Italia fuori dalla “palude” che per vent’anni ha bloccato ogni riforma. Di qui la reazione di Renzi.

Il presidente del Consiglio e segretario del Pd difende ed esalta le riforme strutturali del governo per far ripartire l’Italia: Jobs act, “Buona scuola”, meno tasse (bonus di 80 euro al mese e niente imposte sulla prima casa), nuova legge elettorale per le politiche, revisione delle norme costituzionali. Le opposizioni e le minoranze di sinistra del Pd bocciano tutto come “propaganda” e “promesse mancate”. Agitano anche l’ipotesi di disastro ambientale posta dai magistrati per lo scorretto smaltimento di rifiuti petroliferi in Basilicata.

Giustizia, familismo, politica rischiano di diventare una miscela micidiale. La vicenda petroli, dopo il caso Banca Etruria, ha fatto di nuovo irrompere la giustizia nel campo di battaglia della politica italiana. Nello scontro sono state coinvolte la Guidi con il suo compagno imprenditore in campo petrolifero e Maria Elena Boschi, figlia dell’ex vice presidente della collassata banca toscana. Le opposizioni hanno denunciato il conflitto d’interessi familiare; Renzi, invece, ha rivendicato la correttezza delle scelte del governo fatte nell’interesse generale.

Il primo ostacolo da superare per il giovane ex sindaco di Firenze sono le mozioni di sfiducia presentate dalle opposizioni al Senato contro il governo. Poi seguiranno altri tre appuntamenti importanti e cruciali: il referendum sulle trivelle petrolifere di metà aprile, le elezioni comunali di giugno, il referendum sulla riforma costituzionale previsto ad ottobre.

Si tratta di un pericoloso percorso ad ostacoli nel quale si gioca la sorte del governo, della legislatura e dello stesso Renzi. Denis Verdini, ex braccio destro di Silvio Berlusconi, entrato da pochi mesi nella maggioranza di governo, costituisce un altro elemento esplosivo. I voti in Parlamento dei verdiniani di Ala sono contestatissimi dalle sinistre del Pd perche “snaturano” il partito spostandolo a destra, ma sono difesi da Renzi perché senza di essi l’esecutivo non ha la maggioranza al Senato.

La trasformazione del Pd in senso “neocentrista” ha già provocato una pesante emorragia a sinistra: Stefano Fassina, Pippo Civati e Sergio Cofferati hanno lasciato il partito lo scorso anno. Le minoranze democratiche sono in rivolta e potrebbe succedere di tutto. Gianni Cuperlo, che prima aveva sempre bocciato una scissione, adesso non la esclude: «Sento il peso di stare in questo partito».

Renzi, nato sotto la stella della “rottamazione” della vecchia classe politica, del ricambio generazionale, rischia di essere “rottamato”. Tuttavia il presidente del Consiglio non molla, è pronto a dare battaglia: «Non farò più di due mandati. Fuori di qui ci sono due nemici: populismo e demagogia».

Rodolfo Ruocco

 

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento