lunedì, 5 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Le ‘alleanze variabili’
di Berlusconi
Pubblicato il 26-04-2016


 

Poco più di un anno fa Silvio Berlusconi si era lasciato prendere dallo sconforto davanti a mille difficoltà diverse: «Sono anziano, il leader del centrodestra non sarò io. Sarò a bordo campo, farò il padre nobile».
L’ex presidente del Consiglio, dopo la decadenza da senatore in seguito alla condanna definitiva per frode fiscale, sembrava in caduta libera: il Pdl, un tempo primo partito italiano con il 38% dei voti, non esisteva più; era uscito dalla maggioranza con Matteo Renzi per realizzare le riforme costituzionali; Giorgia Meloni, Alfano, Fitto, Verdini gli avevano detto addio fondando altrettanti partiti; la rinata Forza Italia collezionava sconfitte elettorali e scissioni; Matteo Salvini dominava la scena del centrodestra, guidando una Lega Nord schierata su una linea di opposizione totale anti sistema in Italia e in Europa.

Lo scorso novembre, però, l’ex Cavaliere aggiustò il tiro: in una manifestazione comune con Salvini e Giorgia Meloni siglò il patto di Bologna per lanciare delle candidature unitarie alle elezioni per i sindaci. Tuttavia qualcosa è andato storto: con la quasi unica eccezione di Milano, il centrodestra è andato in frantumi. Soprattutto a Roma sono scoppiate le divisioni: Berlusconi appoggia Guido Bertolaso; Salvini sostiene l’alleata Meloni, Fratelli d’Italia, per la conquista del Campidoglio. Non solo. Il centrodestra, salvo ricomposizioni dell’ultima ora, rischia di spappolarsi in quattro tronconi: a giugno giocheranno la loro partita a sindaco di Roma anche Alfio Marchini e Francesco Storace, oltre a Bertolaso e alla Meloni.

Il mistero è fitto. Qualche giorno fa sembravano ricuciti i contrasti. Berlusconi, a causa dei brutti sondaggi elettorali attribuiti a Bertolaso, sembrava propenso a un accordo, accantonando il suo candidato. Poi, invece, ha insistito: Bertolaso è un uomo del fare, può essere il miglior sindaco per Roma». Salvini e la Meloni, sorpresi per la scelta, hanno deciso di andare avanti per proprio conto e l’alleanza di centrodestra adesso scricchiola in tutta Italia. Oltre a Roma, anche a Torino e a Napoli, il centrodestra può presentarsi diviso di fronte agli elettori con il rischio di perdere in quasi tutte le città nelle quali si voterà a giugno.

Ora è tutto in discussione anche per confermare o no le intese a livello nazionale per le prossime elezioni politiche. A Berlusconi, vicino agli 80 anni, non gli sono per niente piaciuti i giudizi sul suo “tramonto” politico, sulla fine della sua egemonia sul centrodestra e sul semaforo verde aperto da molti in favore dello scoppiettante quarantenne Salvini. In una dichiarazione ha bloccato tutto: gli equilibri nel centrodestra sono tutti da definire, «la corsa per la leadership non è affatto all’ordine del giorno».

Lo scontro divampa. Salvini è tornato a bocciare Bertolaso: «Chi non appoggia Meloni aiuta Renzi. E chi aiuta Renzi non sarà nostro alleato». Ha scartato di nuovo un centrodestra guidato da Berlusconi: «Il futuro del centrodestra deve guardare avanti e non al passato». Il segretario del Carroccio cerca anche appoggi a livello internazionale: nei mesi scorsi è andato da Marine Le Pen in Francia e da Vladimir Putin in Russia, adesso ha rilanciato recandosi negli Stati Uniti da Donald Trump. Il candidato repubblicano a presidente degli Usa è stato prodigo di elogi ed ha pronosticato, dopo un colloquio a Filadelfia: «Diventerai premier in Italia».

Tuttavia l’ex presidente del Consiglio, almeno per ora, non molla. Ha riproposto il primato di Forza Italia (nei sondaggi, però, supera appena il 10% dei voti contro il 14% della Lega) perché in Italia il centrodestra ha vinto quando ha parlato “il nostro linguaggio moderato e liberale” e non quello “estremista” della Lega. Ha anche confermato, contro ogni contestazione interna, la sua centralità personale: «Siamo persone libere, abituate a discutere e poi a trovare una sintesi. Sintesi della quale il Presidente è sempre stato l’unico responsabile e l’unico garante».

Certo è strana la storia. Nel 1994 Umberto Bossi, allora segretario della Lega, rifiutò di allearsi con “i fascisti” e bocciò l’intesa con Gianfranco Fini che stava realizzando la metamorfosi del Msi in An. Così Berlusconi fu costretto a costruire due distinte coalizioni elettorali: al Nord con Bossi e nel Centro-Sud con Fini. Con questo schema unificò il centrodestra, vinse alle politiche e divenne presidente del Consiglio. Oggi, invece, è Salvini che si allea a Roma con la Meloni, Fratelli d’Italia, ex Msi-An.

Rodolfo Ruocco

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento