sabato, 23 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Passera passerà
Pubblicato il 11-04-2016


Che in Italia ci fosse bisogno di un nuovo partito tutto ricamato sulla figura di un ex banchiere è assai dubbio. Così come ancora più dubbi suscita l’esigenza del paese di affidarsi all’ennesimo partitino. Ma davvero Corrado Passera, che ha stanziato enormi risorse per pubblicizzare la sua organizzazione e che ha tentato senza successo di aprire filiali in tutte le province, scommetteva sul suo successo? Viviamo in un mondo che ha perso il valore dell’esperienza e della competenza. Quella per la politica viene oggi addirittura accreditata come un difetto. Abbiamo un presidente della Camera che non è mai stata deputato e un presidente del Senato che non è mai stato senatore. Abbiamo ministri che non sono stati neanche amministratori dei loro comuni. Quando qualcuno di loro inciampa in una buccia di banana non ci si dovrebbe stupire. Capita a qualsiasi neofita di commettere errori. Anche a Passera, dunque, visto che il capo di Italia unica ha scoperto la politica a cinquant’anni. Alle prime elezioni alle quali si è candidato a sindaco, nella sua Milano, ha subito fatto marcia indietro. Dubito che possa continuare a imperversare nei salotti televisivi. A giudicare, condannare, infierire. È ben noto che se ci si innamora della politica a vent’anni quest’ultima diventa una malattia incurabile. Ma se l’amore, improvviso, ti coglie a cinquanta, allora la malattia passa subito, come un’influenza.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento