mercoledì, 7 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Luciano Lunghi:
Scandali e dimissioni,
cosa dicono i socialisti?
Pubblicato il 01-04-2016


Cosa diciamo, noi Socialisti, dopo gli ultimi scandali che investono Ministre di estrazione confindustriali e bancarie, responsabili – insieme al loro PD – del Jobs Act e delle riforme che indeboliscono (oltreché la difesa dei Lavoratori, ora anche della Costituzione Repubblicana)?

E poi cosa diciamo delle mancate Riforme di Papa Francesco, in merito all’immensa ricchezza dei prelati, che hanno residenze faraoniche (come dice lui, la Chiesa deve essere vicino ai poveri), ma passano gli anni e le cose peggiorano in tutti i campi.

E’ catastrofismo? Se è catastrofismo almeno diciamo semplicemente ai lavoratori e all’opinione pubblica, quello che sta avvenendo. O dobbiamo essere solo noi alla gogna – per molto meno – anche dopo 5 lustri dagli eventi?
Fraternamente.

Luciano Lunghi
Milano

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento