lunedì, 5 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Luciano Masolini:
I media ci ignorano, ma ci siamo
Pubblicato il 22-04-2016


Domenica scorsa si è concluso in Terra Campana il quarto Congresso del Partito socialista italiano. Gli esiti di questa assise, come ho appreso dall’Avanti!, sono stati molto lusinghieri: consistente la partecipazione, centinaia i delegati, tantissimi gli interventi e numerosi pure gli ospiti – italiani e stranieri – che hanno portato i loro saluti e i loro messaggi.
La Rai, purtroppo (ma non è una novità, ahinoi), non si è accorta di niente. Carlo Correr – proprio su queste stesse pagine – ne ha giustamente evidenziato e criticato il fatto. Fortunatamente Radio Radicale – da sempre voce amica – ha invece seguito il tutto, mettendo a disposizione di chiunque (come è nel suo meritorio ruolo) una esauriente diretta. In chiusura del riuscito Congresso ( a cui non mi è stato possibile prendere parte) è stato rieletto alla conduzione della segreteria Riccardo Nencini. Sinceramente contavo molto in questa riconferma. Visto il risultato, quindi, non posso che esserne appagato. Questi, di fresca nomina, ha osservato che il successo dell’appuntamento salernitano sta anche ad indicare quanto il nostro Paese (ma anche tutta l’Europa) abbia bisogno ancora di tanto socialismo umanitario. In effetti un Paese con più socialismo (sperando però che sia autentico) può trasformarsi sicuramente in una società più giusta ed anche migliore. Qui, del resto, è insita la nostra principale aspirazione, il nostro (usando un’espressione musicale) leitmotiv.

Quello che ci portiamo appresso da tempi lontani e al quale siamo rimasti sempre, anche in periodi particolarmente critici, strettamente legati. Stavo dicendo del piacere che mi ha procurato la rielezione di Nencini – tra l’altro avvenuta con un ampio consenso, quasi schiacciante -.

Conosco (se pur non personalmente) il vice ministro dell’Infrastrutture e Trasporti fin da quando era presidente del Consiglio regionale della Toscana. Fu quella una presidenza, per molteplici aspetti, davvero ben capitanata e tutta da ricordare. Bravura e competenza che, con ugual passione – e già da vari anni – va immettendo anche nel nostro piccolo Partito. Proprio per questo desidero, e più che volentieri, inoltrargli – per quel poco che possono valere – le mie vive congratulazioni. Sicuro che anche stavolta saprà nuovamente onorare l’incarico testé ricevuto.

I miei migliori auguri dunque, carissimo segretario!

Luciano Masolini

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento