domenica, 11 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Manfredi Villani:
Un candidato per Milano
Pubblicato il 05-04-2016


La cittadinanza milanese dopo la competizione amministrativa del 2011 comincia a manifestare certezza per il futuro. Vuole rivalutare l’evidenza. Sa che lo scopo della vita non è quello di essere più o meno felici in casa propria, bensì rendere se stessi e gli altri migliori.Questo incipit viene rivolto alla Milano ideale del futuro.La nuova città metropolitana di Milano del 2016 se vuole riappropriarsi della nomea di capitale economica e culturale d’Italia avrà bisogno di radicale cambiamento, cominciando dalle imminenti elezioni amministrative di giugno. In primis occorre un candidato sindaco non obsoleto, cioè occorre un candidato apicale riformista-socialista. Urge pertanto riflettere con criteri e logiche nuove, lungimiranza politica intrinseca, tesa a dimostrare che il cattocomunismo illiberale ed assolutistico ha contaminato la nostra cultura del riformismo ereditata dal craxismo degli anni 80 del secolo scorso. Allora i socialisti seppero trovare punti di convergenza centripete di governo in nome di principi superiori ancora validi e da riproporre. Principi utili per l’affinità elettorale del riformismo socialista per il buon governo metropolitano. Il cambiamento auspicato per Milano non può incarnarsi in un’unica mente pensante, sebbene geniale e mediatica. Occorre allargare gli orizzonti politici verso nuove prospettive di sviluppo e benessere, oggettivamente ampie e nazionali. Senza localismi prodromici di fratture insanabili e irrazionali. Soprattutto si stemperi il clima rissoso nel quale stiamo vivendo a causa della mania diffusa di voler apparire anziché essere.Vari sono i candidati sindaco di Milano. Per tutti valga il monito tratto da uno scritto di Giuseppe Mazzini: Lo scopo della vita degli uomini non è quello di essere più o meno felici, ma di rendere se stessi e gli altri migliori. Capita a proposito una recente newsletter di Roberto Biscardini. Egli ha titolato la sua lettera: Milano-Un appello per il futuro. Effettivamente il nostro compagno socialista, attualmente consigliere comunale di Milano, da anni lavora per la costruzione di un progetto municipale che con soddisfazione ha iniziato a prendere corpo a proposito delle prossime elezioni amministrative di Milano.Un progetto municipale, riformista, che si concretizzerà a Milano nella presentazione di una lista elettorale autonoma e larga, con proprio candidato sindaco, che riunisca tutte quelle energie che vogliono mettere al centro della propria iniziativa il ruolo dei cittadini consci di trovarsi di fronte alla crisi dei partiti e della politica, di fronte alle delusioni più recenti delle candidature concorrenti. La lista si chiama: Alternativa Municipale, candidato sindaco Luigi Santambrogio. La proposta di Roberto Biscardini si può inquadrare in un progetto valido di profondo cambiamento capace di intercettare le corde e il cuore dei milanesi e dei cittadini dei comuni di prima fascia della Città Metropolitana di Milano.

Manfredi Villani

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento