venerdì, 9 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Amministrative e referendum. Si vota solo domenica
Pubblicato il 16-05-2016


Alfano Abdelmajid

Alfano ci ripensa. L’ipotesi ventilata nei giorni scorsi di prolungare al lunedì la possibilità di recarsi alle urne per votare, è stata definitivamente accantonata. Ne dà notizia lo stesso ministro che al Consiglio dei ministri ne spiega le motivazioni. “Avevo proposto – ha detto – l’estensione del voto sia al lunedì di questo turno amministrativo che a quello della consultazione referendaria, e ovviamente per tutte le elezioni a seguire, per andare incontro a una istanza che mi veniva rappresentata da più parti e cioè di ampliare la partecipazione al voto e ridurre i rischi di astensione dalle urne. Esigenza che, tra l’altro – ha sottolineato – mi era stata rappresentata in prima battuta proprio da quei partiti di opposizione che, in questi giorni, ne hanno poi approfittato per attaccare il Governo su presunte paure presenti e future. Di fronte a tante polemiche pretestuose e strumentali – sia riguardo i costi sia riguardo a chissà quali strategie occulte che sarebbero state alla base di questa mia iniziativa – valuto opportuno lasciare le cose così come stanno”.

Un’ipotesi che il segretario del Psi Riccardo Nencini aveva accolto con favore. “Ogni misura utile per garantire la democrazia e la partecipazione al voto dei cittadini – aveva auspicato Nencini – va adottata. Allungare di un giorno la possibilità di andare a votare è la cosa giusta da fare”. E’ poi arrivato il dietrofront del ministro degli interni che ha chiuso così la porta a un’ipotesi uscita dalle stanza dello stesso Viminale.

Da subito si era detto contrario il movimento 5 Stelle che con il deputato M5S, Danilo Toninelli, che su Facebook aveva attaccato duramente questa ipotesi. “Premetto – ha detto – che l’idea di far partecipare più persone al voto non può che trovarmi e trovarci d’accordo. Ma il modo non è certo quello di concedere un giorno in più per votare”. “Ma la questione – sostiene – è un’altra. Chi oggi parla di partecipazione al voto lo fa solo per convenienza personale e di partito. Estendere il voto a due giorni in un referendum dove si vota Sì o No è fatto apposta per favorire i Sì”.

Sul referendum si è espresso anche il premier Matteo Renzi, sostenendo nell’e-news, le ragioni dei sì. “Personalizzare lo scontro non è il mio obiettivo – ha detto – ma quello del fronte del No che, comprensibilmente, sui contenuti si trova un po’ a disagio: ma davvero vogliono mantenere tutte queste poltrone? Questo bicameralismo che non volevano nemmeno i costituenti e che furono costretti ad accettare per effetto dei veti incrociati? Questa confusione insopportabile sulla materia concorrente tra Regioni e Stato centrale?”.

“Sabato 21 maggio, alle 11, al Teatro Sociale di Bergamo inizieremo il nostro cammino verso il referendum di ottobre, inaugurando i primi comitati di semplici cittadini. C’è un’Italia – ha concluso Renzi – che dice Sì e che non vuole fermarsi. Che non vuole tornare alla palude, all’ingovernabilità, agli inciuci”.

Ginevra Matiz

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento