sabato, 3 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

PD, NUOVO CASO A LODI
Pubblicato il 03-05-2016


lodi_002_panorama

Un arresto che non passa inosservato. È quello del sindaco di Lodi Simone Uggetti, esponente del Pd. È stato arrestato dal Nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza con l’accusa di turbativa d’asta in relazione all’appalto per la gestione delle piscine comunali scoperte in via di aggiudicazione alla società Sporting Lodi. In manette anche l’avvocato Cristiano Marini, consigliere della società sportiva. Uggetti è stato sospeso dalla carica di primo cittadino.

Il caso nasce dalla denuncia di una dipendente del Comune incaricata di predisporre il bando di gara ritenuto pilotato. La donna si sarebbe lamentata di aver subito “pressioni indebite” da parte del primo cittadino per la stesura del bando che sarebbe stato ritagliato su misura per far vincere la società Sporting Lodi. Per Uggetti e Marini, secondo la Procura, sussistevano due delle tre condizioni per la custodia cautelare: reiterazione del reato e soprattutto inquinamento delle prove. “In alcuni casi hanno con successo nascosto prove indispensabili per la ricostruzione di fatti formattando dei computer in loro uso”, affermano i pm.
Uggetti, 42 anni, ricopre la carica di sindaco dall’11 giugno 2013. Alle comunali, quell’anno, conquistò il 43,3% dei voti al primo turno e il 53,62% al ballottaggio. Il suo predecessore, esclusa la breve parentesi del commissariamento è Lorenzo Guerini, vicesegretario del Partito democratico. Uggetti aveva fatto parte della giunta di Guerini dal 2005 al 2013 con la carica di assessore ad Ambiente, Urbanistica, Mobilità Sostenibile e Attività Produttive. “Ho conosciuto in questi anni Simone Uggetti – ha affermato il vicesegretario del Pd Guerini – come amministratore competente e accorto e come persona più che corretta e limpida”. “Detto questo – ha proseguito – piena e totale fiducia nel lavoro dei magistrati, confidando che si faccia chiarezza con la massima rapidità”.

Il sindaco è stato subito sospeso dalla sua carica. Le sue funzioni di sindaco, si legge in una nota del comune di Lodi, passano immediatamente al suo vice, Simonetta Pozzoli.
All’attacco Movimento 5 Stelle e Lega. “Gli arrestati del Pd – affermano i Pentastellati – non fanno più notizia. Il Pd ha un immenso problema con il malaffare”, scrive Alessandro Di Battista su Facebook. “Nelle ultime 3 settimane, 3 inchieste con arresti per il Partito democratico – aggiunge Luigi Di Maio -. Adesso si capisce bene perché questo governo abbia approvato un codice degli appalti che impedisce all’autorità anticorruzione di controllare oltre l’80% dei lavori pubblici”. Dello stesso tono le parole di Salvini: “Dopo il presidente del Pd della Campania indagato, dopo il consigliere comunale del Pd di Siracusa arrestato, oggi è il turno del sindaco del Pd di Lodi, anche lui arrestato. Forse nel Pd di Renzi c’è qualche problema di onestà?”.

A difendere l’amministratore democratico il senatore di Ala Vincenzo D’Anna che intervistato dal quotidiano online Affaritaliani.it ha detto: “Credo proprio che sia in atto un’offensiva della Magistratura contro Renzi e il governo”. “Registro una cosa al di là degli eventi specifici: chiunque in Italia si proponga di cambiare le cose, di riformare il Paese, di toccare privilegi e nicchie di comodità – insomma tutto quello che ci ha portato in braghe di tela, ivi compreso i poteri inconferenti e irresponsabili che godono di franchige tali da non rispondere né dei propri abusi né dei propri errori – viene colpito da una parte della Magistratura”.

Redazione Avanti

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Salve compagni, non ho grande simpatia per il PD ma mi sento autorizzato a prendere le difese di Simone conoscendolo sin da piccolo, mia moglie lo ha avuto scolaro alle elementari, conosciamo la famiglia da sempre, quello che ho notato in questi due giorni è un accanimento mediatico che non si è visto neanche con l’arresto di Riina e di Provenzano. Tutte le tv nazionali, private ed i quotidiani hanno dato la notizia in prima pagina come fosse il peggior crimine commesso in Italia negli ultimi anni. A proposito questa mi è nuova prima si arresta una persona poi si va in ufficio a cercare le prove, se cosi è non mi quadra. Ho rispetto per la legge solo se è applicata secondo le scritture.
    Saluti socialisti.

Lascia un commento