sabato, 3 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Boschi, criticatela pure,
ma non perché donna
Pubblicato il 23-05-2016


Il referendum sull’abrogazione o meno di alcuni articoli della Costituzione. I difensori dello status quo dimenticano però di ricordare che la Costituzione è già stata rimaneggiata 35 volte. Ma le posizioni sono entrambe legittime, quello che è inaccettabile è l’attacco volgare gratuito sessista nei confronti della ministra Boschi, alla quale non si perdona giovinezza grazia preparazione e capacità di aver guidato una maggioranza parlamentare all’approvazione di una riforma che mette fine a 70 anni di bicameralismo, che dimezza i parlamentari, che snellisce procedure istituzionali…

Perfino le giornaliste (Gruber Annunziata) usano con lei sufficienza e noia, dimenticando che dietro a Boschi c’è il nostro lavoro per le pari opportunità.

Per far fuori B. (giustamente far fuori) non si è esitato a mettere alla berlina le sue ragazze (non il mio stile di vita ma ognuna è libera di sfruttare lo zozzone), ad ascoltare senza repliche una giudice che definiva Ruby levantina e quindi mentitrice… sarebbe meglio basta.

Votate no o sì, ma non crociate.
Tiziana Ficacci
dal blog liberelaiche

(e scandalizziamoci perché Anpi non garantisce la presenza di Aned e Brigata ebraica il 25 aprile)

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Oddio, quante cose in così poche righe!
    La Boschi ha seguito (a forza di voto di fiducia) una pessima riforma costituzionale, senza tener conto di suggerimenti e proposte venute da altri.
    Non è bastato Renzi a dire che se perde se ne va, ci si è messa anche lei. E’ andata a trovare un partigiano che vota SI per rimediare alla gaffe di “forza nuova”.
    Le pari opportunità non sono solo dietro la Boschi; sono dietro ad ogni donna, bella o meno bella.
    C’è anche il filo arabismo, effetto di trascinamento di politiche anti-israeliane degli anni ottanta, che si tramuta in sciocca trasposizione contro le brigate ebraiche che condivisero la lotta al nazi-fascismo delle brigate Matteotti, Garibaldi, Giustizia e Libertà, ecc. ecc.

Lascia un commento