lunedì, 5 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Brasile. Domani il voto sull’impeachment al Senato
Pubblicato il 10-05-2016


dilma-rousseff-facepalmSono i momenti peggiori per il Brasile, in queste ore continuano i colpi di scena sull’impeachment della Presidente Dilma Rousseff. Ieri sembravano essersi calmate le acque dopo che il presidente ad interim della Camera brasiliana, Waldir Maranhao, che ha sostituito Eduardo Cunha, ha annullato il voto del 17 aprile con cui la Camera aveva approvato la messa in stato d’accusa della Presidente brasiliana, Dilma Rousseff. La spiegazione nella nota della presidenza è che sono stati registrati vizi di forma durante la sessione. Ma poche ore fa la situazione è stata ribaltata, dal presidente del Senato brasiliano, Renan Calheiros, che ha deciso di confermare il voto sull’impeachment contro la Rousseff per domani, ignorando le giustificazioni di Maranhao.
“Tutti sappiamo che sono vittima di un golpe, ma invito alla calma e alla cautela”, ha commentato la Presidente brasiliana che è accusata di aver manipolato il bilancio dello Stato nel 2014 prima della sua rielezione per non far emergere le difficili condizioni dell’economia brasiliana. Si aspetta il voto di domani, ma in caso di sospensione sarebbe il vicepresidente Michel Temer, del partito di centrodestra PMDB e suo principale rivale, ad assumere la presidenza ad interim. La presidente guerrigliera Rousseff dovesse essere definitivamente riconosciuta colpevole quest’ultimo resterebbe al potere fino al 2018.

“Ho intenzione di combattere – ha detto la Rousseff davanti a un pubblico entusiasta – con tutti gli strumenti che ho, democratici e legali, per impedire l’interruzione illegale del mio mandato”.

Redazione Avanti!

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento