domenica, 11 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Brasile. Temer cambia
i vertici della Banca Centrale
Pubblicato il 20-05-2016


Brasile-disordiniLa prima mossa del nuovo Governo brasiliano, dopo la sospensione della Presidente eletta Dilma Rousseff, riguarda l’economia. Cambia il capo della Banca centrale: ad Alexandre Tombini subentra Ilan Goldfajn, attuale capo economista della banca privata Itau. Goldfajn, 50 anni, è nato in Israele. Il nuovo ministro delle Finanze, Henrique Meirelles, ha dato l’annuncio all’apertura dei mercati di martedì: “Goldfajn è già stato direttore della Banca centrale dal 2000 al 2003 e ha lavorato con me”.
Il nuovo capo della banca centrale brasiliana si è formato al Mit e trova un’inflazione al 10% e un tasso di interesse della banca centrale bloccato da 6 mesi al 14,25%. La nomina di Goldfajn deve ora essere confermata dal Senato.
La sospensione per sei mesi di Dilma Rousseff ha scatenato una manifestazione delle stelle del cinema a Cannes, tra cui la star Sonia Braga e il regista Kleber Mendonca Filho. Tra i cartelli esibiti le scritte: “Fermate il colpo di Stato” e “Il Brasile non è più una democrazia”. Rousseff ha ringraziato con un tweet i suoi ‘celebri’ sostenitori.
Ad agosto cominceranno a Rio le Olimpiadi. Rousseff, in attesa di giudizio, è stata sostituita dal vicepresidente Temer. Sarà lui a rappresentare il Brasile di fronte al mondo, ma anche su di lui cominciano ora a gravare alcune richieste di impeachment. La Corte suprema brasiliana avrebbe dichiarato ammissibile la richiesta presentata dall’avvocato di origini italiane Mariel Marley Marra, secondo il quale “Rousseff e Temer vanno processati insieme, perché hanno firmato gli stessi decreti sulla legge di bilancio federale”. Temer si difende, sostenendo di non avere partecipato alla stesura dei decreti in questione. La Corte deve ora valutare se aprire o meno un procedimento.
Lorenzo Mattei

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento