martedì, 6 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Fratture a destra: Berlusconi ripensa Meloni
Pubblicato il 26-05-2016


Iniziano i primi ripensamenti a destra in vista delle prossime comunali. La prima grande novità è che l’ex Cavaliere, Silvio Berlusconi, dopo aver attaccato e messo da parte la candidata Giorgia Meloni per appoggiare Alfio Marchini, ci ripensa e afferma: “Sarà Alfio Marchini ad andare al ballottaggio. Non ho mai detto di essere intenzionato a votare l’onorevole Meloni. Ho solo affermato che nell’ipotesi inverosimile in cui ad andare al ballottaggio fosse Giorgia Meloni, l’appoggerei allo stesso modo in cui mi aspetto che Meloni e Salvini appoggino Marchini”. La Meloni gongola e risponde: “Quando saremo al ballottaggio vorrà dire che i cittadini romani avranno già scelto per noi e quindi significherà che le indicazioni dei partiti lasciano il tempo che trovano ed è ciò che sosteniamo dall’inizio della campagna elettorale”.
“La gente segue la credibilità delle persone e dei programmi e non le indicazioni dei partiti. Segue la capacità di dare risposte e a me interessa parlare con i romani e avere il sostegno dei romani. I partiti lasciano il tempo che trovano” continua la candidata sindaco e presidente di Fratelli d’Italia.
Tuttavia continua ad essere evidente la tensione all’interno dello schieramento a destra, a Torino infatti Matteo Salvini starebbe scaricando il candidato sindaco di Fratelli d’Italia Alberto Morano, a favore della candidata sindaco del M5S Chiara Appendino. E ancora a Napoli dove c’è stata la totale Tra Lega e Fdi: il partito della Meloni corre con Marcello Taglialatela, invece di appoggiare il salviniano Gianni Lettieri.

Redazione Avanti!

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento