sabato, 3 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Giallo EgyptAir MS804: non si esclude l’attentato
Pubblicato il 19-05-2016


Aereo egiziano cadutoDurante la notte il volo MS804 della compagnia EgyptAir, partito da Parigi (Francia) e diretto al Cairo (Egitto), è scomparso dai radar, senza lanciare alcun Sos. A bordo vi erano sessantasei persone, tra cui un bambino e due neonati. Nella tarda mattinata i resti del velivolo sono stati individuati a circa 130 miglia nautiche dall’isola greca di Karpathos.

I controllori di volo greci avrebbero tentato di contattare l’Airbus A320 prima che entrasse nei cieli egiziani, senza ottenere risposta: l’ultimo contatto registrato risale infatti alle ore  2.26 locali, mentre l’ultimo tentativo di contattare il volo MS80 sarebbe avvenuto alle ore 2.36. In un primo momento non era chiaro se il velivolo avesse lanciato o meno una richiesta d’aiuto, ma con il trascorrere delle ore si è chiarito che i segnali captati non sarebbero compatibili con l’Sos. Dunque, si potrebbe trattare dell’allarme che gli aerei inviano in automatico quando vi è un impatto violento al suolo o in mare. Ciò nonostante, tali segnali sarebbero stati registrati a distanza di circa due ore dall’inabissamento dell’aereo, per cui potrebbero anche avere un’altra origine (per esempio potrebbero essere stati lanciati da una nave).

Attualmente non viene esclusa nessuna ipotesi sulle cause della tragedia, neanche quella terroristica, sostenuta da Mosca e dagli USA. In particolare, si accredita la dichiarazione del comandante di un mercantile, il quale avrebbe comunicato di aver visto una palla di fuoco in cielo in un orario compatibile con la scomparsa del volo MS804 dai radar. L’assenza di Sos, inoltre, suggerisce la pista della causa improvvisa, come potrebbe essere – per esempio – una decompressione esplosiva o, per l’appunto, l’esplosione di una bomba. Di contro, però, Panos Kammenos, ministro della Difesa greco, ha dichiarato che l’Airbus avrebbe effettuato delle brusche virate prima di inabissarsi. Se tale ipotesi venisse confermata, potrebbero farsi largo sia la possibilità che si sia verificato un guasto meccanico, sia l’ipotesi secondo cui un kamikaze potrebbe aver preso il controllo dell’aereo.

Sebbene la compagnia aerea EgyptAir abbia richiesto cautela nell’effettuare ipotesi, invitando i media ad attenersi solamente ai dati ufficiali, è inevitabile non pensare all’aereo russo schiantatosi sulla Penisola del Sinai nel mese di ottobre del 2015. Tale tragedia venne rivendicata come attentato da parte dell’Isis. In quell’occasione il terrorismo era riuscito ad aggirare le barriere di sicurezza dell’aeroporto del Cairo (complice anche un dipendente aeroportuale). Ad oggi, ciò che potrebbe essere accaduto al volo MS804 terrorizza l’Occide, tanto che la paura degli attentati, in crescita, avrebbe causato l’apertura in calo di Wall Street (Wall Street: apre in calo su paura attentati e timori stretta Fed), andando così ad incidere fortemente anche sull’economia.

Alessia Malachiti

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento