domenica, 11 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Grecia. Arriva l’accordo dell’Eurogruppo sul debito
Pubblicato il 25-05-2016


eurogruppoNotte in bianco e… fumata bianca per la Grecia. Dopo una notte e una riunione durata undici ore i ministri delle finanze europei riuniti nell’Eurogruppo hanno dato il via libera allo sblocco di 10,3 miliardi di euro di nuovi fondi per Atene, una mossa che premia le dolorose riforme fiscali portate avanti dalla coalizione del primo ministro Alex Tsipras.
“Abbiamo fatto un importante passo avanti sulla Grecia, che ci permette di entrare in una nuova fase del programma di assistenza finanziaria”, ha detto il presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem.
“Questo va oltre ciò che pensavo fosse possibile non tanto tempo fa”, ha aggiunto il Presidente.
Dei nuovi fondi, una prima tranche da 7,5 miliardi verrà erogata il mese prossimo e un’altra da 2,8 miliardi successivamente. Ma il nodo più importante da sciogliere è stato quello relativo al debito greco che sembrava giunto a un’impasse dopo i paletti imposti dalla Germania. Alla fine i creditori, dopo l’insistenza del FMI, hanno deciso che dal 2018 l’alleggerimento avverrà in modo da garantire che i bisogni finanziari lordi del paese rimangano sotto al 15% del PIL nel medio termine, e sotto al 20% del PIL nel lungo termine. Nel contempo, si sono messi d’accordo per chiedere alla Grecia un avanzo di bilancio primario in media del 3,5% del PIL. Il Fondo è riuscito a strappare un alleggerimento del debito greco, come chiedeva da tempo; ma secondo le condizioni chieste dai creditori europei. Tuttavia anche se la concessione sembra accontentare Lagarde in realtà è un accordo che soddisfa in pieno la Cancelliera Angela Merkel. L’alleggerimento del debito avverrà infatti solo nel 2018, data postuma alle elezioni in Germania (2017).

Liberato Ricciardi

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento