domenica, 4 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il testardo sempre in piedi
Pubblicato il 20-05-2016


Di Marco si è detto tanto in queste ore. D’altronde il suo nome è sinonimo di eccessi, eccessi nei modi, nelle forme, e io non saprei descriverlo neppure in cento parole.
Non mi stupisce leggere oggi il ricordo di Monsignor Vincenzo Paglia accanto a quello di Aldo Tortorella, né ritrovare l’intervista di Marco Bellocchio dopo il pezzo di Vasco Rossi.

Perché Marco è il giovane imprigionato a Sofia per aver protestato contro l’invasione sovietica della Cecoslovacchia, è l’uomo arrestato per aver semplicemente fumato uno spinello in piazza, è il politico che convince l’ex pornostar Ilona Staller e il cantautore Domenico Modugno a diventare deputati tra le perbeniste e ingessatissime aule parlamentari, è il compagno che si rifiutò di adeguarsi all’ondata giustizialista che accompagnava l’inchiesta Manipulite, è l’amico che, nel bel mezzo della festa dell’Avanti!, abbandona il palco per scendere a fumare.

Perché Marco è stato sintesi e complessità. E mancherà a tutti, come ha ricordato Emma Bonino, ma non ai suoi avversari perché Marco non ha conosciuto avversari, solo uomini indifferenti.

Eppure la sua irruenza ha demolito pure i muri di quella indifferenza che Dc e Pci coltivavano nel loro mega concettismo ideologico, insensibile alle questioni dell’individuo moderno, dell’individualismo, delle libertà individuali, in un Paese che si è sempre definito culla del diritto ma che che invece dello Stato di diritto ha ignorato ogni sfumatura.

Scorro le pagine della mia bacheca e leggo aneddoti, battute, percorsi di vita trascorsi insieme a tanti e mi è tornata alla mente una delle ultime nostre chiacchierate. Mi ricordò il suo viaggio in Basilicata, quando si incazzò con i ragazzi della federazione giovanile perché arrivarono con due ore di ritardo al carcere di Melfi, erano ‘ragazzetti’ mi disse. Erano passati forse più di dieci anni ma ricordava tutto. E quando, seduti su due sedie di plastica, gli raccontai di come quei mesi di discussione e proposta sull’eutanasia mi avessero cambiata, mi rispose che la politica è questo, è vita.

Nelle ultime settimane, avevo sentito Matteo, ma Marco era già stanco. Ieri non sapevo cosa scrivere. Questi sono i momenti più difficili per chi fa politica.

Io oggi non andrò alla camera ardente allestita alla Camera, preferisco salutarlo domani in piazza Navona per il suo funerale laico insieme a chi gli ha voluto bene, perché in fondo quella è stata sempre la sua ambizione, fare politica tra la gente, non seduto tra gli scranni del potere.

Anche perché seduto neppure ci sapeva stare.

Grazie Marco.

‘Radicali, socialisti, liberali, federalisti-europei, anticlericali, antiproibizionisti, antimilitaristi, non violenti’ sempre!

Maria Cristina Pisani
Portavoce Psi

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento