sabato, 3 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Lacrime di coccodrillo
Pubblicato il 21-05-2016


In poche circostanze, che io ricordi in nessuna, un leader è stato così unanimemente lodato da morto come Marco Pannella. Non Nenni, che pure aveva segnato la politica italiana dopo la sua profonda revisione del 1956, non Moro, che pure era stato assassinato dai terroristi divenendone la vittima eccellente, non Berlinguer, che aveva consumato lo strappo da Mosca nel 1981 e costruito un partito comunista originale. Eppure Nenni, Moro e Berlinguer rappresentavano partiti più o meno di massa, i tre partiti che avevano costruito l’Italia del dopoguerra, mentre Pannella, se si esclude la breve parentesi di quell’8 per cento peraltro ottenuto nel nome di Emma Bonino alle europee del 1999, non ha mai superato la soglia del tre per cento.

Eppure oggi anche quel 97 e più per cento che non votava Pannella, se non saltuariamente, lo piange, lo celebra, quasi lo santifica. Anche coloro che voltarono le spalle alla sua azione poltica, che restarono indifferenti ai suoi referendum, che ironizzarono sui suoi digiuni oggi lo elevano a simbolo vivente della lotta per le libertà. Questo credo dipenda essenzialmente da tre fattori. Due dei quali, come dire, oggettivi e comprensibili. Il primo è costituto dalla sua identità trasversale. Alleato col centro-destra, poi col centro-sinistra, più spesso sdegnosamente solitario, Pannella ha sempre anteposto la centralità dei contenuti al rispetto delle alleanze. Anzi ha sempre preteso la convergenza degli altri sui suoi contenuti, cioè sulle sue battaglie che lanciava periodicamente attraverso campagne specifiche. Non ha mai abbandonato nemici rancorosi, non ha mai contratto nuovi matrimoni indissolubili.

La seconda ragione è costituita dal suo modo di intendere la poltica. Ha ragione Claudio Martelli. Ci sono politici che si sono segnalati per le idee, altri per le realizzazioni, altri ancora sono diventati, come nel caso di Pannella, anche esempi di vita. Di vita vissuta cogli ultimi, sporcandosi le mani e la faccia, frequentando i bassifondi della società, i carcerati, i drogati, gli sfruttati, cercando e ottenendo anche la conversione alla sua non violenza degli ex terroristi e mostrando quella religiosità laica che lo poneva in netto contrasto con la Chiesa, ma, come i primi socialisti, in completa sintonia col messaggio cristiano. La sua campagna contro la fame nel mondo, richiamata anche da Giovanni Paolo II, la battaglia vinta per la moratoria delle esecuzioni capitali decretata dall’Onu e patrocinata da Nessuno tocchi Caino testimoniano come il suo non fosse solo messaggio di laicità ma anche di giustizia. In questo in sintonia anche con i valori del mondo cattolico. Amico del Dalai Lama e del Papa, proselite di Giordano Bruno e di tutti gli infedeli, non violento, ma non pacifista, amico di Muccioli e antiproibizionista convinto, liberale, liberista, laico, laicissimo, ma anche religioso con quella sua aria da profeta seguito dai suoi apostoli, non c’è nessuno che non abbia condiviso almeno una battaglia del ricco mosaico bellico del Marco magno.

Ma c’e un terzo elemento che vedo perfino più rilevante degli altri due. E si riferisce al solito complesso di colpa di fronte alla morte, che produce, in piena sintonia con il costume italico, le sempre scontate e stucchevoli lacrime di coccodrillo. L’Avanti lanciò circa due anni orsono la proposta al presidente della Repubblica di nominare Pannella senatore a vita. Napolitano e Mattarella devono spiegarci perchè non sia stato possibile. Dovrebbero esporre pubblicamente le ragioni di questo mancato e più che meritato riconoscimento. E coloro, quasi tutti, che non l’hanno appoggiata, a cominciare dal Pd e da Forza Italia, ma anche salviniani e grillini, dovrebbero illustrare i motivi della loro indifferenza. Coniugata coi penosi alti riconoscimenti postumi.

Sono insopportabili i pentimenti dopo la morte. Soprattutto di coloro (ricordo diverse circostnze) che hanno insultato, sputacchiato, minacciato Pannella in qualche manifestazione vetero sindacale. Anche perchè, come capita a chiunque, anche ai personaggi che, come Marco, passeranno alla storia, dopo qualche giorno, qualche settimana, qualche mese, di tutto ci si dimentica. Noi non vogliamo dimenticare. Faremo di tutto per ricordare Marco Pannella e lo strumentalizzeremo politicamente. Come lui stesso avrebbe desiderato, come lui stesso ci avrebbe chiesto di fare. Tenteremo, noi socialisti, radicali, laici, ambientalisti, liberali, cristiani, noi che vogliamo proseguire le battaglie di Marco che furono anche di un illustre e colpevolemente oscurato socialista come Loris Fortuna, di continuare a percorerre il cammino. Forse, cone diceva una vecchia massima ripresa da un musicista contemporaneo, “non c’è un cammino, c’è solo il camminare”. E allora noi dobbiamo oggi prendere il solenne impegno di camminare insieme. Cosi Marco Pannella e Loris Fortuna riprenderanno a vivere.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Marco (Giacinto “detto”) a cominciare dal nome, è stato il radicalmente incoerente che ha fatto battaglie GIUSTE insieme a noi ed ingiuste quando sull’onda di Tortora, ha nimbarcato personaggi di dubbio gusto o verso i quali il mondo degli uomino semplici ha sempre espresso condanne. Mi riferisco a terroristi o a fautori di disarticilazioni, destrutturazioni ecc. “calandosi il passamontagna” che hanno distrutto l’avvenire di milioni di giovani facendogli credere che avevano diritto a tutto, anche ad uccidere.
    Soprattutto con noi socialisti è stato il GENERALE degli opportunisti, approppiandosi dei risultati che altri avevano coerentemente condotto. Dalla doppia tessera per candidare poi in liste radicali persone che avevano avuto molto dal PSI e tradendo spesso e colentieri i socialisti UNICI che gli aprivano SINCERAMENTE le porte. Con il PCI prima, con i DS e poi il PD ha fatto sputtanare tutti i suoi “uomini”, la Bonino poi, la “vergine” alla quale ha fatto conoscere l’orgasmo del potere, dal quale la poveretta non riesce più ad uscire.
    Ovvio che non sia stato fatto Senatore a vita: i potenti avevano bisogno dei suoi (pochi) voti, non di lui. Ma a lui è sempre bastato e probabilmente – diversamente appunto dalla Bonino – anche servito, La nomina “a vita” gli avrebbe solo nociuto!
    Ciao Marco tu diventarai un santo, ma poi ti dimenticheranno. Grazie per aver tentato di difendere Bettino, ma tu non potevi dichiarartene “erede” NON NE AVEVI IL FISICO!

  2. Le lacrime di coccodrillo fanno ormai parte della tradizione italiana. Il Popolo prima ti deride, ti insulta, ti taglia le gambe per non dare seguito ai tuoi progetti di uomo politico. Solo post mortem comincia a piangerti addosso e a rimpiangere…pura ipocrisia. Il Popolo italiano sceglie di andare sempre con il più forte, con il vincente, con quello dove può ottenere qualcosa di utile come contropartita.

Lascia un commento