mercoledì, 7 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

No, perché ne va della libertà
Pubblicato il 24-05-2016


Renzi, capito che l’aver messo in gioco la propria presenza a capo del governo, col referendum costituzionale, sia stato un gravissimo errore, ha deciso di rompere gli indugi accelerando ogni iniziativa tesa a ottenere la conquista stabile del palazzo d’inverno.  Questa scelta ha comportato forzature incredibili con l’abbandono di ogni cautela dato che il tempo stringe e ottobre è dietro l’angolo e potrebbe essere, dopo una batosta alle amministrative, un ottobre veramente amaro.

Messa da parte la spavalderia che ha caratterizzato la fase post approvazione delle modifiche costituzionali, con la personalizzazione del referendum (“se verranno bocciate le modifiche costituzionali, abbandono la politica”), si è orientato a risolvere il problema della comunicazione, elemento indispensabile nella strategia del consenso, chiudendo il cerchio delle postazioni mediatiche con la neutralizzazione di quelle che erano diventate vere spine nel fianco.

Maurizio Belpietro, viene licenziato per l’intervento, si dice del senatore Verdini ma, per non dare troppo nell’occhio, lo si è sostituito con un pezzo da novanta del giornalismo di centro destra. Nell’accelerazione renziana non potevano più essere tollerate le posizioni  e la chiarezza delle argomentazioni contro Renzi, sugli annunci (solo tali) delle mirabilie governative, sulle tasse che non accennano a diminuire, per l’inchiesta sulle banche toscane, contro la pseudo riforma della Carta Costituzionale e per la scelta di schierarsi nettamente col No al referendum.

Stessa sorte è toccata a Nicola Porro che faceva altrettanto male con la sobrietà, l’eleganza e la neutralità con cui conduceva il suo formidabile Virus che ha lasciato di stucco (sic!) la presidente della Rai, Monica Maggioni, che non comprende il perché si parli di epurazione quando a Porro è stata offerta la garanzia del livello economico precedente! (ecco chi sono gli esecutori del premier).

Assieme alla disattivazione, nelle precedenti postazioni, delle teste pericolose, Renzi, che ha deciso di farlo mettendo in conto le eventuali polemiche, anche per far capire che con lui non si scherza, e che chi gli è contro deve attendersi l’allontanamento, ha deciso di dedicarsi all’opinione pubblica con un nuovo refrain che, qualche esperto arruolato a suon di euro sonanti, gli ha consigliato. Si tratta del mantra attuale che più o meno afferma che le riforme (assieme all’Italicum) permettono di avere una maggioranza che ‘blocca gli inciuci consentendo di poter pienamente governare’.

Dimentica però che in questi anni per Palazzo Chigi ha avuto una maggioranza bulgara (con i fuorusciti capitanati da Alfano, Fitto, Scelta Civica e Verdini) ch’era più che sufficiente a realizzare un discreto programma. Per incapacità o indolenza, ha preferito dedicarsi alle mance, agli annunci, al taglio dei nastri altrui, alle unioni arcobaleno, al qualunquismo anti politica, alle sceneggiate dei Patti con il Sud depredato di almeno 20 miliardi tondi tondi,  dimenticando la situazione economica, il fallimento del Job Act, e la vergognosa pressione fiscale che porta l’Italia ai massimi livelli europei. Questo quadro era impossibile cambiarlo con gli osanna agli zeri virgola dell’Istat.

La minaccia dell’abbandono della politica l’ha delegata alla prode Maria Elena Boschi che pure essa ha dichiarato che se vincono i No farà come Matteo. Non c’era bisogno di questa dichiarazione perché senza Matteo i ‘liceali’ o ‘dilettanti allo sbaraglio’ non hanno futuro. Sono soldatini che restano in attività solo se vive il capo. Per quanto ci riguarda la loro sorte, come quella del premier, non ci interessa: al referendum voteremo senza tentennamenti NO, perché ne va della nostra libertà messa in discussione da una riforma e da una legge elettorale che legalizza l’uomo solo al comando.

Giovanni Alvaro

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. C’è una cosa che in Italia non si dice mai, poiché il nervo è ancora scoperto: il fascismo è nato qui, è puro “made in Italy”.
    Poiché le mode ritornano, quando gli anni cinquanta, quando gli anni ottanta, quando la minigonna, quando i pantaloni e zampa di elefante….
    Ebbene, votare NO, quanto meno ci preserva dal ritorno degli anni trenta, quelli del “consenso”. Sapete tutti a chi….

  2. Giovanni penso che il tuo articolo sia sfuggito o è stato inserito per caso. I Socialisti che voteranno NO sono per la segreteria nencini degli eretici dimenticando chi ha fatto la Costituzione e quanto sangue hanno versato i giovani di allora per darci la libertà. Chi polemizza sul referendum rispondo sempre con la frase detta nel lontano 1789 da Patrick Henry durante la stesura della Costituzione Americana: “The Constitution is not a document for the government to restrain the people: it is an instrument for the people to restrain the government”
    La COSTITUZIONE non è un documento per il governo per contenere il popolo: è uno strumento per il popolo per contenere il governo.
    Patrick Henry.

Lascia un commento