domenica, 11 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Presente
Pubblicato il 09-05-2016


Tra meno di un mese milioni di italiani verranno chiamati alle urne. Città importanti, città capoluogo di provincia, comuni piccoli e medi. Un bel test. I 4/5 degli elettori troveranno nelle schede il simbolo del Psi o, in alternativa, simboli laico-civico-socialisti. L’occasione, anticipata nel congresso di Salerno, per dare un unico tetto al nostro mondo e per offrire agli italiani un’alternativa riformista. C’è un filo comune che unisce le tante esperienze locali: non disperdere un patrimonio fatto di buongoverno, conferire ai programmi un taglio sociale più forte, provocare la riorganizzazione della sinistra riformista.
Primo. Da tempo non è una facile stagione per i piccoli partiti. Sbarramenti elettorali e fine del finanziamento pubblico hanno tagliato le ali alla maggioranza delle forze nate dopo il ’92. Noi siamo ancora in piedi. Con pochissime eccezioni, nelle grandi città è dal 1990 che non eleggiamo su liste nostre o di area. Una buona ragione per provarci ora.
Secondo. Ovunque, nei programmi dei nostri candidati, risalta l’aspetto sociale. Quote di bilancio destinate a fornire servizi alle famiglie più deboli, sostegno a studenti fuori sede meritevoli e bisognosi, nuova edificazione di alloggi popolari, reddito di cittadinanza vincolato a servizi da rendere alla comunità. Un tratto condiviso per fronteggiare un’emergenza economica dura a morire.
Terzo. Anche in Italia urge un progetto per la sinistra riformista. Mettere insieme esperienze civiche democratiche e quanti, fuori dal Parlamento, non hanno più una patria, fino ai cattolici democratici. Il giro di incontri di questi giorni ha proprio questo obiettivo. Verificare, costruire. Prima dell’estate ne sapremo di più. Intanto, presenti!
Riccardo Nencini

Riccardo Nencini

Riccardo Nencini

Segretario Psi - viceministro dei Trasporti

More Posts - Website

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Io credo Riccardo che presenti lo dobbiamo verificare il 5 Giugno. La dirigenza attuale dopo il voto dovrà fare i suoi conti, e se da una parte come fai notare te il partito è presente in molte realtà, e questo è un gran merito che la storia non dimenticherà, ci sono altri aspetti che dobbiamo sottolineare. In tutte queste realtà si nota che i simboli che fanno riferimento al partito cambiano, ma non solo cambia anche la strategia, come si nota senza far polemica, in pochi comuni c’è il simbolo del partito, tuttavia il partito si presenta in altri modi, o in liste civiche, oppure con candidati all’interno delle liste Pd, o in liste di partito ma senza il proprio simbolo. Tutto questo lo possiamo interpretare che può essere un nuovo sistema di fare politica, ma possiamo anche sottoporlo ad un esame politico che ci porterebbe a dire segno di debolezza. Concludendo credo che sia un grande appuntamento elettorale, e il Psi attuale per dire presente deve tirare fuori tutte le risorse che ha, in questo momento dopo essere stato per oltre due anni al governo non può permettersi un flop, è l’ora di raccogliere un po’ di frutti. Un augurio e un forte abbraccio da un craxiano. Giovanni Caciolli

Lascia un commento