lunedì, 5 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Celso Vassalini:
Un sì da semplice cittadino
Pubblicato il 18-05-2016


Come semplice Cittadino andrò nei banchetti a porre la mia firma per un Sì alla riforma Costituzionale, per portare il nostro Paese allo stesso livello delle “migliori liberal-democrazie europee”. Come semplice Cittadino, “sono un sostenitore di questa riforma costituzionale“. Un’affermazione convinta nella quale è implicita l’idea che la Carta costituzionale possa essere modificata laddove le esigenze concrete lo richiedano. Argomento, quest’ultimo, contestato dai detrattori della riforma, per i quali, quella italiana sarebbe la “Costituzione più bella del mondo” e, come tale, da lasciare immutata. Contesto, in radice questa impostazione: “In Germania la Costituzione l’hanno cambiata quasi una volta l’anno, non è possibile che in Italia si debba considerare qualcosa di immutabile“.

Come semplice Cittadino, non voglio mancare alla storia di inviare chiari segnali di apprezzamento. Il primo deriva dall’esigenza, per così dire storica, di riformare la seconda parte della Costituzione: secondo il quale è da considerare positivo il semplice fatto che in Italia “ci sia una riforma costituzionale approvata e da discutere nel merito“.

Come semplice Cittadino, desidero un cambiamento della fotografia attuale visibile da “illo tempore” “da tempo” è di un sistema scarsamente funzionante in cui “il governo non è così forte e il Parlamento, invece, troppo debole“. Da qui l’esigenza di intervenire, in particolar modo con la fine del bicameralismo perfetto, nel quale Camera e Senato svolgono esattamente le stesse funzioni. Con la riforma Boschi, è previsto che solo Montecitorio voti la fiducia al governo. Una novità che rafforzerà l’esecutivo ma che non indebolirà necessariamente il Parlamento.

Come semplice Cittadino, vedo per il mio Paese altra novità fondamentale introdotta dalla riforma è la modifica dei rapporti tra Stato e regioni. Le autonomie saranno rappresentate nel nuovo Senato in cui troveranno posto i consiglieri regionali e i sindaci delle principali città italiane. “Sono sempre stato favorevole ad avere nella legislazione nazionale il punto di vista delle regioni“. Sulla nuova ripartizione di competenze con molte materie che torneranno ad essere di potestà legislativa esclusiva dello Stato è sotto gli occhi di tutti i limiti del sistema attuale. Il problema principale come si osserva da più parti è l’elevatissimo contenzioso cui questa distribuzione di competenze ha dato luogo.

Come semplice Cittadino, senza appello, infine, il mio giudizio sulla riforma del Titolo V della Costituzione approvata nel 2001: “E’ stata fatta con l’accetta“, do convintissimo il mio placet a quella parte della legge Boschi che redistribuisce le competenze legislative a favore dello Stato: “E’ giusto che l’interesse nazionale attraversi tutto il territorio italiano“.

Come semplice Cittadino, considerati il quadro di contesto, e le premesse politiche di partenza, questo è senza dubbio un successo. Il merito è certamente del Parlamento e dei parlamentari che l’hanno voluta, a partire dai senatori. Evidentemente, si tratta di un successo anche per il Governo, il quale è nato è bene ricordarlo proprio per affrontare con la dovuta risolutezza la sfida delle riforme mettendoci la faccia. Una scelta di trasparente responsabilità, fatta senza cercare alibi e senza voler “galleggiare” sopra le riforme per rimanere in carica, come si è invece visto molte volte nella storia di questo Paese. Perché affronta i principali problemi che da decenni vengono sottolineati da ogni partito o schieramento politico rispetto all’inadeguatezza delle nostre istituzioni di fronte al tempo che cambia.

Come semplice Cittadinoi, il Sì alla riforma sarà un miglioramento della qualità della legislazione, tanto nel suo procedimento, quanto nelle sue fonti: dalla decretazione d’urgenza ai referendum propositivi e di indirizzo che entrano per la prima volta nel nostro ordinamento. E, ancora, entrerà in Costituzione lo statuto delle opposizioni, a connotare ulteriormente la fine dell’alternativa ideologica in favore dell’alternanza programmatica, regolamentata e trasparentemente garantita, lungo l’asse maggioranza/opposizione. Ciò inoltre consentirà di dare un volto preciso a quello che si deve considerare a buon diritto come un “governo in attesa”. Per non parlare poi, della semplificazione istituzionale, dal Cnel che sparisce alle province “TUTTE” che vengono de-costituzionalizzate. O del nuovo rapporto più responsabile, e meno fallimentare anche sul fronte dell’autonomia di spesa tra lo Stato e le Regioni. Infine, come ultima annotazione, come semplice Cittadino, segnalo che per la prima volta entra nella nostra Costituzione il termine trasparenza. Un fatto che non sarà improduttivo di effetti.

Una straordinaria opportunità di noi Cittadine e Cittadini. Ma se tutti noi sappiamo trovare le parole giuste, allora io credo che il miracolo sia possibile. E il concetto sul quale insisterei è che bisogna votare ‘Sì alla Riforma Costituzionale’ perché abbiamo una dignità.

Come semplice Cittadino.

Celso Vassalini

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Ogni volta che facevo qualcosa di discutibile, parlandone con mia madre, lei, che – naturalmente – mi voleva tantissimo bene, non volendo ostacolarmi, per significare la scelta inopportuna, mi diceva sempre. “contento te…”
    Io – con l’unica parentela di essere cittadino anch’io – fo’ lo stesso con Celso: contento te…..

Lascia un commento