lunedì, 5 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Tennis. Kohlschreiber fa
il tris all’Atp di Monaco
Pubblicato il 02-05-2016


Philipp-KohlschreiberAtp di Monaco vinto per la terza volta da un tedesco molto valido: Philipp Kohlschreiber. Conquista il titolo, solamente dopo un match duro vinto contro il giovane talento austriaco Dominic Thiem, alla conclusione di tre set molto lottati. L’equilibrio della partita è stato palese da subito, entrambi vi hanno messo anima e corpo, giocando con tutti se stessi, dando il meglio in campo, attaccando, correndo, eseguendo colpi da manuale, non risparmiandosi, ma soprattutto ricercando sempre la soluzione vincente e mai attendendo che a sbagliare fosse l’avversario. Con un gioco sempre ad alti ritmi e di notevole livello, mai difensivo o di contenimento, ma sempre aggressivo. Errori gratuiti ve ne sono stati, infatti, pochissimi o per nulla. A fare la differenza solamente la maggiore precisione ed esperienza del tedesco che, più maturo, ha sfruttato meglio le occasioni avute, mettendo a segno più break point: dei dieci per lui che ne ha ottenuti. Ne ha avuti meno Thiem, che ha piazzato anche più aces, ma compensati purtroppo da più doppi falli commessi, cercando di buttare subito fuori dal campo il tedesco.

Per il resto, la percentuale di prime di servizio piazzate è stata la stessa e così la lotta accesa sino all’ultimo punto. Davvero incerto il risultato finale. Il punteggio conclusivo è stato di 7/6(7), 4/6, 7/6(4) per Kohlschreiber. Sempre in rimonta Thiem non ha mollato, ha recuperato sempre il parziale sfavorevole arrivando sino al tie break per ben due volte. Sembrava essere anche favorito, avanti nel punteggio, soprattutto nel primo dei due tie-break, che però non è riuscito a chiudere nessuno dei due. Più calmo, riflessivo, freddo e lucido, forse l’austriaco ha pagato la foga, l’irruenza, l’ostinazione, la rabbia agonistica e la voglia di vittoria, la sete di conquista che non sa aspettare dei più giovani. Come lui o come Alexander Zverev: per entrambi troppo fretta di chiudere il match. Proprio quest’ultimo Thiem ha dovuto affrontare in semifinale. Lo ha sconfitto dimostrandosi più completo, solido, organizzato tatticamente, più versatile e più in grado di realizzare un gioco vario, persino a rete, avanzando in attacco e non rimanendo ancorato a fondo, come ha commesso spesso troppo l’errore Zverev. Sicuramente quest’ultimo avrà modo di crescere e di “esplodere” agonisticamente, ancora un po’ “frenato” e “bloccato”; mentre da seguire assolutamente Thiem persino agli Internazionali Bnl d’Italia a Roma, a cominciare dal 3 maggio prossimo. Quest’ultimo, dopo la vittoria per 4-6 6-2 6-3 sul 19enne Zverev, ha sfumato la sua quinta finale persa.

In semifinale, invece, il 32enne di Augsburg e quarta testa di serie, ha battuto il 28enne ligure Fabio Fognini. Il n. 27 mondiale ha liquidato l’azzurro in poco più di un’ora di match, vinto nettamente per 6/1 6/4. Se il risultato non stupisce, poiché i precedenti tra i due erano 4 a 5 a favore di Philipp Kohlschreiber, tuttavia si pensava a maggiore equilibrio. Fognini, infatti, è n. 30 al mondo ed era quinta testa di serie del torneo, però evidentemente non ha recuperato totalmente ancora la condizione fisica dopo il lungo infortunio. Speriamo che i quarti a Madrid persi contro Nadal e la semifinale qui a Monaco di Baviera abbiano costituito una buona preparazione per gli Internazionale Bnl nella Capitale.

Barbara Conti

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento