venerdì, 9 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Unioni Civili, 28 anni fa la prima pdl Boniver-Cappiello – Alessandra Arachi sul Corriere della Sera
Pubblicato il 12-05-2016


Famiglie di fatto, è di 28 anni fa la prima proposta di legge in materia

Era febbraio 1988 quando la deputata socialista Agata Alma Cappiello depositò alla Camera un testo che disciplinava la famiglia di fatto. La giurisprudenza si era già espressa e la Cassazione lo aveva fatto addirittura con una sentenza del 1957
di Alessandra Arachi sul Corriere della Sera del 11 maggio 2016

Il titolo della legge è semplice: “Disciplina della famiglia di fatto”. Ma non è la seconda parte della legge sulle unioni civili approvata mercoledì alla Camera. E’ un documento che appartiene alla storia, ormai, ma che ci fa riflettere assai sul nostro Paese. Perché è una proposta di legge, la numero 2340, presentata il 12 febbraio del 1988 che sembra scritta dai legislatori di oggi.

Sembra scritta oggi

Leggetela (il testo in PDF): la prima firmataria è Agata Alma Cappiello, deputata socialista assai attiva nelle questioni di diritti civili. Con lei anche la firma di un’altra socialista storica, Margherita Boniver. Si parla di registrazioni delle convivenze, degli obblighi degli alimenti, del subentro dell’affitto, del regime patrimoniale dei conviventi, della tutela penale, dell’affidamento dei figli. Non ci sono riferimenti a coppie omosessuali, oggettivamente ventotto anni fa non se ne parlava ancora delle coppie gay. Ma è inquietante leggere come all’epoca la giurisprudenza si era già espressa sulla famiglia di fatto, più volte. La Corte di Cassazione lo ha fatto addirittura con una sentenza del 1957 (la numero 2744 del 10 luglio) e si esprime in materia tributaria affermando «la responsabilità solidale di chi convive more uxorio». La giurisprudenza è andata avanti, ma i nostri legislatori ci hanno messo ventotto anni per decidere che le coppie di fatto dovevano essere degne di avere dei diritti come coppia, semplicemente dei diritti. E c’è bisogno di dirlo? Quella legge presentata nel 1988 non venne mai messa in discussione, nemmeno nella commissione.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento