sabato, 3 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Cosa c’é dentro il voto socialista
Pubblicato il 08-06-2016


La forte e radicata presenza di liste socialiste, laico-socialiste, civico-socialiste, di candidati socialisti in altre liste ha prodotto buoni risultati, particolarmente soddisfacenti nelle realtà medio-piccole. Nei comuni capoluoghi di provincia i socialisti ottengono ottimi risultati a Salerno (8,2%) a Caserta (4%), a Cosenza (3%), a Grosseto (3,6%), meno a Carbonia (1,3), mentre a Trieste l’alleanza tra Psi e Verdi ha generato un ottimo 3,3%. Nei comuni superiori ai 15mila abitanti notevole il dato di Città di Castello col 21%, mentre a Melfi (con Livio Valvano al ballotaggio) il Psi arriva al 12% e a Sulmona la lista socialista si colloca attorno all’11%. A Frattaminore arriviamo al 14%, a Cassano Ionico oltre il 10, a Finale Emilia oltre l’11, a Castelfidardo al 10, a Sambenedetto al 6. Complessivamente includendo anche i dati di Roma, Napoli e Bologna siamo al 2,5%, se li escludiamo siamo al 5,8,

Il dato delle grandi città è infatti sostanzialmente troppo debole, con Bologna allo 0,9%, Roma allo 0,7 e Napoli allo 0,5. Ma la delusione più grande è il dato di Milano con la maggioranza della federazione in polemica con le decisioni nazionali che ha presentato con altri una lista civica e ha raggranellato si e no il voto dei candidati e delle loro famiglie (0,2%). Tuttavia, a parte questa doverosa precisazione (è facile criticare molto più difficile costruire), resta il fatto che il Psi raggiunge ottimi risultati quando il voto si regge sulla credibilità dei nostri candidati (in questo senso il municipalismo socialista è ancora vivo, più vivo di quello di altri partiti del centro-sinistra assai più numerosi di noi in Parlamento, vedasi Scelta civica e anche il Nuovo cetrodestra), ma quando il voto è condizionato, come quello delle grandi aree urbane, dagli orientamenti politici, rallenta, anzi si offusca e diviene quasi impercettibile.

Questo deve portarci a qualche scelta. Direi che mai come oggi si rivela azzeccata la decisione del congresso di Salerno e cioè quella di riunire i socialisti e poi di creare con altri un polo liberalsocialista. Occorre sviluppare questa politica senza timidezze e ripensamenti, perchè altro non c’è in alternativa che la resa al Pd. Di questo spero si rendano conto tutti, anche coloro che non hanno partecipato al congresso e coloro che hanno scelto altre strade. Anche la decisione di qualche nostro ex compagno di aderire a Sinistra italiana è risultata fallimentare. Non solo per i risultati non eclatanti delle liste presentate, ma per l’inesistente incidenza, in essa, dei socialisti. Il polo liberalsocialista, che può diventare una lista o anche un nuovo soggetto politico, deve partire da un rapporto di intesa coi radicali, oggi alle prese con la difficile fase post pannelliana, coi verdi riformisti che non hanno aderito a Sinistra italiana, coi laici sparsi in frammenti e rivoli di ex partiti e anche coi cattolici non integralisti che separano Stato e Chiesa. Su questa prospettiva, difficile, per taluni egoismi, gelosie, esclusivismi che animano tuttora questa area, torneremo. Ma che in Italia manchi un soggetto, nel centro-sinistra, di stampo liberalsocialista, alleato con un soggetto di area cattolica e popolare e di uno che unifica diverse identita sia pure in modo confuso, facendo emergere però soprattutto quelle post democristiane e post comuniste, è evidente. Lo capiremo tutti?

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. COM’E’ NOTO IL VOTO NELLE GRANDI CITTA’ E’ D’OPINIONE, RISPONDE ALLE IDEE.
    IL VOTO NELLE ARTICOLAZIONI TERRITORIALI E’ DI RELAZIONE, RIFLETTE IL RADICAMENTO, LA RETE.
    IL PRIMO AMBITO E’ IL LUOGO DELLA SEMINA, GUARDA AL FUTURO.
    IL SECONDO E’ IL LUOGO DEL RACCOLTO, GUARDA AL PASSATO.
    NATURALMENTE, CONTINUARE A RACCOGLIERE SENZA SEMINARE VUOL DIRE CONSEGNARSI ALL’ESTINZIONE.
    SENZA NUOVE IDEE PER IL NUOVO TEMPO, NON SI PRODUCE “REDDITO”, SI CONSUMA INESORABILMENTE LA RENDITA DELL’ESIGUO CAPITALE.
    Carlo Ubertini

  2. Carlo ha ragione. E’ del tutto evidente che il nostro partito non intercetta il voto di opinione ma vive sul voto di relazione frutto del nostro radicamento territoriale che si manifesta soprattutto nei piccoli centri, dove abbiamo ancora risultati apprezzabili.
    Allora, senza rinnegare la nostra matrice laica e libertaria, dovremmo far sentire di più la nostra voce SOCIALISTA sui problemi cruciali del nostro tempo che sono le grandi emergenze sociali e le enormi disuguaglianze.

  3. Caro Direttore,più di una volta ho espresso la mia convinta adesione a un progetto come quello da te menzionato.Più volte annunciato e mai portato concretamente al cospetto del possibile Popolo Liberal Socialista Riformista a una verifica concreta.
    Io ritengo che tu abbia la capacità di formulare una fattibile proposta per renderla comprensibile e accettabile ai molti che la pensano in questa maniera.
    Finito il tempo dei patti con il P.d., che fa finta di ascoltare le nostre proposte, per poi relegarci a ruoli marginali senza prospettive per il futuro.
    O usciamo da questo limbo, o inesorabilmente proseguirà la lunga agonia, un giorno ci riprendiamo un pochino e poi di nuovo il peggioramento.

    Buon Lavoro Direttore e un Caro Saluto.

  4. Vado sul concreto: Tutto può andare bene anzi benissimo ma le medie e le percentuali non si fanno così. Vorrei sapere in tutti quei comuni dove il partito si è travestito in liste civiche che percentuale ha riportato? Dico questo perché in quelle che ho scoperto noto percentuali molto al di sotto del 2% ma moltissime che non arrivano al 1% credo che della media dovrebbero far parte anch’esse. Ho visto la scheda posta nell’articolo del Segretario ma si nota che è un po’ limitativa rispetto alle liste presentate dal Partito. Come diceva il mio professore, guarda caso Socialista, la matematica non è un opinione, credo che anche per la dirigenza attuale del Psi valga la stessa regola.

  5. ieri sera a La7 Renzi, intervistato da Gruber, è stato perentorio: non ci penso nemmeno a modificare la legge elettorale (premio alla lista e non alla coalizione), non ne posso più di accordi con i partiti! dunque cosa si prospetta per il PSI?

Lascia un commento