venerdì, 9 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Ancora deflazione, Coldiretti contro sanzioni alla Russia
Pubblicato il 30-06-2016


coldirettiIl miraggio della ripresa italiana è ancora lontano. Giugno è infatti il quinto mese di deflazione per l’Italia e per di più i prezzi accelerano il loro calo tendenziale. A certificarlo è l’Istat, i cui dati mostrano un aumento dello 0,1% dei prezzi al consumo su base mensile e una diminuzione su base annua pari a -0,4% (era -0,3% a maggio).

La persistenza delle dinamiche deflazionistiche è in gran parte riconducibile all’ampio calo dei prezzi dei beni energetici (-7,5% rispetto a giugno 2015), sebbene questo sia stato meno intenso di quello registrato a maggio. Al netto di questi beni l’inflazione, anche se in lieve ridimensionamento, è rimasta positiva e pari a +0,4% (era +0,5% a maggio).
In rallentamento anche l’inflazione di fondo, cioè quelli dei beni energetici e gli alimentari non lavorati, che si è portato dal +0,6% di maggio al +0,5%. Di conseguenza, l’inflazione acquisita per quest’anno, è stata pari a -0,2%, dato in lieve miglioramento rispetto al -0,3% del mese precedente.

Ad aumentare però, secondo i dati trasmessi dall’Istituto di statistica, sono i prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona che segnano invece un +0,1% sia su base mensile sia su base annua (a maggio la variazione era nulla).
Di contro la Coldiretti ha così commentato i dati trasmessi dall’Istat: “Se sullo scaffale per i consumatori i prezzi degli alimentari e delle bevande sono addirittura aumentati dello 0,2%, nelle campagne la situazione è drammatica con il crollo delle quotazioni su livelli insostenibili. Le condizioni climatiche bizzarre che hanno sconvolto i calendari di maturazioni di frutta e ortaggi ma anche gli accordi preferenziali per l`ingresso sottocosto e le distorsioni dal campo allo scaffale che fanno lievitare i prezzi sono – precisa la Coldiretti – alcune delle motivazioni”. Infatti secondo la Coldiretti sono crollati i prezzi nelle campagne italiane, dal -18 % per il grano duro al -19 % dei cetrioli fino al – 24% per il latte.

“Ma a pesare – continua la Coldiretti – sono anche gli effetti dell’embargo russo che ha azzerato completamente le esportazioni di ortofrutta, formaggi, carni e salumi Made in Italy e che ha anche provocato una devastante turbativa sui mercati agricoli europei che ha messo in crisi decine di migliaia di aziende agricole”.

“Una situazione che – conclude la Coldiretti – ha aggravato la situazione delle stalle italiane che stanno affrontando una crisi senza precedenti a causa del crollo dei prezzi che non copre più neanche i costi per l’alimentazione del bestiame”.

Proprio per questo la Coldiretti ha riunito oggi più di diecimila persone a Verona, per protestare “contro l’embargo russo che ha azzerato completamente le esportazioni dei prodotti agroalimentari più rappresentativi del Made in Italy scatenando una guerra commerciale che ha provocato pesantissimi danni all’economia e la perdita di posti di lavoro”. Cogliendo la palla al balzo, l’associazione paventa che un simile congelamento possa ora riguardare anche i rapporti verso il Regno Unito: “L’Europa ora deve affrontare anche i pesanti effetti economici della Brexit, nell’anniversario dei 2 anni dall’embargo russo e all’indomani della decisione del presidente russo, Vladimir Putin, di prolungare l’embargo imposto sui beni alimentari fino al 31 dicembre del 2017”. La guerra commerciale generata dall’embargo è costata più di 600 milioni di euro in poco più di due anni all’export agricolo.

Redazione Avanti!

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento