domenica, 4 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il conflitto sociale in Europa parte dalla Francia
Pubblicato il 03-06-2016


Una esecuzione straordinaria di “Bella ciao” è l’omaggio che l’Orchestra francese Debout ha reso a coloro che lottano contro la riforma del mercato del lavoro voluta dal presidente socialista (sic!) Francois Hollande, con scioperi a oltranza indetti dai sindacati transalpini più rappresentativi, dalla marxista Cgt alla socialdemocratica Force Ouvriere, lo spegnimento delle centrali nucleari e delle raffinerie e l’occupazione continua di Place de la République, piazza simbolica di Parigi.
In Italia, molti osservatori sembrano esprimere quasi stupore, per l’ondata di scioperi e di manifestazioni in corso in Francia. Forse questo atteggiamento discende dalla circostanza che nel nostro Paese ci si è ormai disabituati al conflitto sociale, interpretato solo come espressione di ideologie di palingenesi sociale e non come, nelle democrazie mature, strumento di partecipazione collettiva. Prova ne sia la continua istanza da parte delle tre centrali sindacali di un ritorno alla concertazione, che l’attuale governo non vuole, e l’assenza di conflittualità in occasione della sciagurata riforma delle pensioni Monti-Fornero e del Job Act di Renzi.
D’altronde, fu il “maggio francese” nel 1968 ad annunciare in Italia “l’autunno caldo” in Italia e la ripresa del potere operaio nel Vecchio Continente, con l’ottenimento dell’allargamento dello Stato sociale, della democrazia nell’industria e della partecipazione democratica nella società in Europa.
Molti sono gli elementi che fanno ritenere un ritorno ad una generale conflittualità sociale almeno in Europa, già annunciata nei mesi passati in Grecia contro lo strangolamento economico del popolo ellenico da parte della Troika, con un sostanziale golpe bianco in danno della sovranità nazionale.
Già, la sovranità, le economie non sono più espressione della volontà dei singoli Stati ma sono determinate in larga parte dalle scelte della finanza globale; la fine del ciclo produttivo fordista ha compresso l’area tradizionale del mondo del lavoro e allargato la precarizzazione, i sindacati vivono una fase di incertezza sulle loro strategie e sul loro stesso futuro.
E, forse, il conflitto sociale, in Europa a causa delle rigorose politiche monetarie e di bilancio, potrà svilupparsi in forme di movimento diverse da quelle tradizionali, tenendo conto, e lo teorizzava apertamente un intellettuale liberale alieno da ogni cedimento a visioni antagonisti che nella società, come Ralph Dahrendorf, che nei sistemi capitalistici bisogna connettere il conflitto, quale fattore democratico, con i diritti di cittadinanza e la welfare society.

Maurizio Ballistreri

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Il maggio francese finì a maggio, e finì con un grande comizio di Pierre Mendès-France convocato dalla Cfdt allo stadio di Charlety. Fu il maggio italiano a durare dieci anni ed a finire nel 1978 in via Caetani. E l’ultima volta che ho visto un “sic!” seguire le parole “presidente socialista” fu nel 1984, dopo il decreto sulla scala mobile.

    Luigi Covatta

    • Il maggio francese, nel 1968, finì lo stesso mese, ma gli effetti sulle trasformazioni politiche e sociali in Europa durarono per tutto il decennio successivo, influenzando la nascita e l’affermazione delle lotte operaie e sindacali dell’autunno caldo del 1969 in Italia, il cui ciclo, invero, non finì nel 1978 con l’omicidio di Aldo Moro, ma con la sconfitta nella vertenza dei “35 giorni” alla Fiat, tra il settembre e l’ottobre del 1980. Purtroppo il “sic” per il presidente francese Hollande ci sta tutto, poiché non si è mai visto un socialista alla guida di un paese, demolire i diritti sociali e un sistema giuslavoristico tra i più avanzati al Mondo! Hollande sembra ripercorrere la triste strada del Partito Social Democratico portoghese di Francisco Sá Carneiro prima e Aníbal Cavaco Silva, che, a dispetto del nome, è una forza politica conservatrice, aderente al Partito popolare europeo, che sostiene politiche neoliberiste e antipopolari. In questo il presidente francese è in buona compagnia: dalla Spd, che in Germania è alleata di Frau Merkel, al Pd di Renzi, il cui Job Act ha ispirato la riforma del lavoro francese. Bettino Craxi invece, con il decreto anti-inflazione del 1984, rilanciò l’economia italiana, aumentando i salari netti e riducendo il costo del lavoro, sulla base di quel modello concertativo (a cui si opposero i comunisti) che a partire dal 1992-93 fu sposato da tutti i sindacati italiani. Già, con Craxi siamo nel solco del vero riformismo socialista!

Lascia un commento