sabato, 10 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Invasione cinese a Milano: L’Inter è della Suning
Pubblicato il 06-06-2016


thohirIl capoluogo lombardo sta vivendo un passaggio epocale dal punto di vista calcistico: il club nerazzurro è stato ufficialmente acquistato dal potente gruppo asiatico del presidente Zhang Jindong. E qualcosa di simile sta per accadere in casa dei cugini del Milan, con Berlusconi sempre più convinto a passare la mano.

MILANO – Affare fatto. L’Inter parlerà cinese. La potente cordata asiatica Suning Group ha comprato il 68,55% delle quote del club nerazzurro per una cifra che si avvicina sui 270 milioni di euro. L’accordo è stato ufficializzato lunedì mattina a Nanchino, in Cina, alla presenza di Zhang Jindong (presidente del gruppo Suning) e degli attuali dirigenti interisti, compresi Erick Thohir e Javier Zanetti.

ESCE DI SCENA MORATTI – Erick Thohir, secondo gli accordi, resterà momentaneamente presidente, anche se la carica dovrebbe durare poco: nelle intenzioni dei cinesi, infatti, c’è il progetto di arrivare presto a rilevare il 100% della società. Chi invece saluta definitivamente i colori nerazzurri dopo 21 anni è Massimo Moratti, che deteneva ancora il 29% delle quote e che ha arricchito la bacheca interista con ben 16 trofei. Tutti i tifosi sperano ora che, con l’arrivo dei ricchi cinesi, ci possa essere quel salto di qualità (che Thohir non è riuscito a concretizzare) per tornare a vincere e porre fine all’egemonia della Juventus. Le intenzioni della Suning sono chiare: “La Cina diventerà la seconda patria dell’Inter, vogliamo diventare leader nell’industria dello sport. Faremo investimenti per rendere la squadra più forte e farla tornare a gloriosi successi mondiali”. Qualcuno sarà scettico, ma l’Inter può tornare davvero grande.

I DUBBI DI BERLUSCONI – Se quella dell’Inter è stata una trattativa abbastanza rapida, sono decisamente più lunghi i tempi che riguardano la cessione del Milan. L’anno scorso si parlava insistentemente del celebre Mister Bee, pronto ad acquistare il club rossonero dopo una serie di incontri a Milano con Silvio Berlusconi. Ma alla fine tanto fumo e poco arrosto. Il presidente infatti non sembra così sicuro di cedere la società (soprattutto per una scelta di cuore), anche se l’ennesima stagione deludente e il malcontento dei tifosi sembrano aver convinto il leader di Forza Italia a passare la mano, a patto però che arrivi un gruppo serio e con potenti risorse economiche. Intanto però il tempo passa e l’impressione è che in società, tra dubbi e ripensamenti, regni tantissimo caos.

Francesco Carci

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento