martedì, 6 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Primarie Usa. Il “momento storico” della Clinton
Pubblicato il 07-06-2016


hillary-clinton-thumbs-upNon è ancora finita, ma per l’Associated Press c’è già un vincitore, anzi una vincitrice nelle Primarie del Partito Democratico Usa. Per l’AP sarà infatti Hillary Clinton a sfidare Donald Trump nella corsa alla Casa Bianca, dai conteggi fatti risulterebbe che l’ex first lady ha i numeri per conquistare la nomination democratica.

Ha superato la fatidica soglia di 2.383 tra delegati e superdelegati che la voteranno alla convention di Filadelfia di fine luglio. “È un momento storico senza precedenti”, esulta la candidata che in questo modo potrebbe essere la prima donna della storia degli Stati Uniti a correre per la Presidenza degli Stati Uniti d’America. Tuttavia la stessa Clinton è stata cauta, affermando in un Tweet: “Sono lusingata Associated Press, ma abbiamo delle primarie da vincere”.
La proclamazione di Clinton da parte di una delle Agenzie Stampa più importanti al mondo arriva proprio alla vigilia dell’ultimo evento importante di queste primarie: il voto in California (che dà il premio più consistente dell’intera stagione, con 546 delegati) e poi New Jersey, New Mexico, North e South Dakota.

In effetti anche se ormai la sfida sembra ormai decisa in favore dell’ex segretario di stato, Sanders non sembra intenzionato a ritirarsi come fece invece Hillary Clinton. In vista delle primarie odierne in California, il senatore del Vermont ha risposto per le rime al giornalista che chiedeva se non fosse “sessista”rifiutarsi di fare un passo indietro per l’ex First Lady.
“È una domanda seria? La sua domanda implica che qualsiasi donna in corsa per la casa Bianca è per definizione il miglior candidato possibile. Non penso sia sessismo. Penso semplicemente di essere il candidato più forte per battere Trump”.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento