martedì, 6 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive David Giuliodori:
A proposito di “idee furbe”
Pubblicato il 15-06-2016


Caro Mauro,
ho visto che stai presentando il tuo libro “Idee in Avanti”. Complimenti. Al più presto lo prenderò e lo leggerò.

Io avevo scritto su FB che a noi servono le “Idee Furbe” per mettere la testa fuori e tornare a contare veramente.

Allora, per idee furbe intendo questo:
Io per lavoro giro molto in Italia e in Europa.
Ho notato che in molti paesi europei, negli incroci, dove ci sono i semafori, per far passare i pedoni e per non far perdere la pazienza agli automobilisti, non appena scatta il rosso, parte un conto alla rovescia che avvisa all’automobilista il tempo necessario per riavere il verde e al pedone il tempo necessario per attraversare o aspettare.
L’idea furba è quella di far portare avanti ai nostri deputati/senatori la proposta di far diventare legge, anche in Italia, l’introduzione del count down ai semafori negli incroci.
Poi la VISIBILITÀ sta nel coinvolgere tutte le Associazioni di vittime della strada, dei cittadini interessati al traffico e di altri che non so e far capire che il polo Laico, Liberale, Radicale, Verde, Socialista si è interessato a loro con questa proposta di legge/battaglia sociale.

Vedrai che se vai in questo modo incontro alle persone, la gente ti premia con il voto o il contributo (economico).
Queste sono le lotte nello stile dei radicali che però sono nati piccoli e rimangono piccoli, noi invece dobbiamo farle con strategia (furbe) perché siamo nati grandi e vogliamo tornare grandi!

I compagni che scrivono nell’Avanti, per non cadere nel banale come ho fatto io, si risentono di scrivere queste cose e parlano di “massime politiche” che non portano nessun elettore se non il lustro e la stima di chi le scrive, per la cultura politica, che a noi fa immensamente piacere ma che ora…non serve.

David Giuliodori

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento