giovedì, 8 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Manfredi Villani:
Psi, dal 1976 al 2016,
omaggio a Claudio Martelli
Pubblicato il 13-06-2016


Il libro di Ugo Intini: “Avanti! Un giornale un epoca” la cui i prima edizione è del 2012, sta suscitando grandissimo interesse e approvazione sulle molte incognite della politica italiana racchiusa dal 1896 al 1993. In quel libro di Claudio Martelli ci sono citazioni anche nelle pagine relative a Bettino Craxi in veste di assessore a Palazzo Marino dei primi anni sessanta. All’epoca Craxi si circondò di un gruppo di ragazzi pasdaran autonomisti e Nenniani, tra i quali Carlo Tognoli, Paolo Pillitteri,Ugo Finetti, Claudio Martelli e Giorgio Gangi. L’Assessorato all’Economia di Craxi aveva sede in una palazzina dei giardini Guastalla,dietro la biblioteca comunale di Porta Vittoria. Claudio Martelli arrivò da Craxi passando dal partito repubblicano,con l’aureola di giovane laureato in filosofia. Fu nel periodo 1976-1983, con il nuovo corso socialista,l’inizio della calata dei milanesi a Roma e tra essi Claudio Martelli.

Alla conferenza di Rimini del 1982 venne ideato da Claudio Martelli lo slogan “per una alleanza tra meriti e bisogni”. Derivava dalla teoria del filosofo americano John Rawls e dava un contenuto di efficienza e modernità alla tradizione solidaristica del socialismo democratico riformista. Con il passaggio di Bettino Craxi a Palazzo Chigi le immissioni di socialisti in Parlamento videro Claudio Martelli,prima in rappresentanza della circoscrizione di Mantova e poi di Palermo. L’onorevole Martelli ebbe anche la carica di Vice Segretario del PSI, Carica che passò a Giuliano Amato col passaggio di Martelli alla carica governativa di Ministro. Dal 1987 al 1992 iniziò il logoramento e il declino del PSI. Il crollo di Bettino Craxi del 1993 è ormai negli annali di storia. Da qualche anno Claudio Martelli si sta interessando alla redazione di suoi commenti politici per il giornale QN Il Giorno. Interessante è il suo articolo del 10 giugno 2016 con titolo: l’appuntamento e sottotitolo “Per le strade di Milano”. Il viaggio nella metropoli milanese verso il futuro con Claudio Martelli è ricco di spunti suscettibili di approfondimenti. Rivolgo al compagno Claudio Martelli l’invito a scrivere suoi pregiati commenti anche per Avanti!online. Con la conclusione dell’articolo pubblicato da “Il Giorno” il buon Claudio inneggia all’agire e reagire, gioisce asserendo che la sfida dell’Expo 2015 la città di Milano l’ha vinta quando ha dimostrato la capacità di reagire contro i black blok del “No Expo”. Milano è molto più grande del suo dopo Expo: è la capitale degli affari,delle banche e della finanza,del design,dell’editoria e della ricerca avanzata. Complimenti a Claudio Martelli che per le strade di Milano si è immerso nelle inutili violenze e la creatività, nonché la riscossa di una città.

Manfredi Villani

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento