domenica, 11 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Mario Cardone:
Dare un impulso alla lotta all’evasione fiscale
Pubblicato il 28-06-2016


Come tutti gli anni, abbiamo aspettato, il giudizio di parificazione del bilancio dello Stato da parte della Corte dei Conti, per dare il nostro parere politico sui risultati della lotta alla evasione ed elusione fiscale.
Un primo dato ci preoccupa, già da noi messo in conto in tempi non sospetti ma sottovalutato da osservatori distratti, la sofferenza della struttura organizzativa dell’Agenzia delle Entrate, ancora in mezzo al guado.
Abbiamo, attraverso una interrogazione al Ministro dell’Economia a firma dell’O/nle Pastorelli, chiesto le motivazioni circa la chiusura/ridimensionamento di importanti uffici periferici dell’Agenzia delle Entrate.
La chiusura interessa Distretti Industriali importanti, abbiamo citato quelli modenesi (Carpi, Mirandola, Sassuolo).
Siamo ancora convinti che la presenza dell’Agenzia e della G.d.F.,sul territorio è garanzia di attenzione e conoscenza, ma la risposta del Sig. Ministro non è ancora arrivata, ma sono arrivati i risultati non certo soddisfacenti.
Aspettiamo anche l’annunciata riforma Madia, che ritarda, circa la ipotesi di accorpamento alla Presidenza del Consiglio delle competenze dell’Agenzia, fatto, da noi considerato politicamente importante per una necessaria svolta di chiarezza nelle competenze a garanzia dei contribuenti e dei lavoratori del comparto.
Per misurare l’efficacia e l’efficienza dei risultati della lotta alla evasione fiscale siamo abituati a guardare diversi parametri compreso l’incasso e la sua formazione.
Da accertamenti sostanziali, che sono quelli supportati da attività istruttoria interna ed esterna, si sono incassati circa 7,4 mld di euro e da controlli formali circa 356 mln di euro, qualcosa in meno rispetto all’anno 2014.
Sono calati, dal punto di vista quantitativo, gli accertamenti sostanziali e se, addirittura, andiamo a scindere gli accertamenti cosiddetti automatizzati (prodotti provenienti dal sistema centrale, a tavolino e senza attività istruttoria) il calo diventa importante.
Su una evasione stimata di circa 150 mld di euro il recupero di circa 7,4 mld, pari a circa il 5 % non è una performance da andare fieri.
La gente si chiede: ma l’anno scorso, il Ministro dell’Economia ha detto che ha incassato circa 14 mld di euro dalla lotta alla evasione.
Certamente l’incasso è quello ma la differenza di circa 6,5 mld è dovuta alla liquidazione delle dichiarazioni, roba dichiarata dai contribuenti, forse con qualche irregolarità formale..
Qualche notizia buona non guasta, spicca la drastica diminuzione degli accertamenti da studi di settore, ben il 33,6 % in meno.
Lo diciamo da anni, gli studi di settore non servono a niente e vanno cancellati dalla normativa fiscale.
Un ultima cosa che dovrebbe far riflettere la politica è la drastica diminuzione quanti/qualitativa della collaborazione tra Comuni ed Agenzia delle Entrate.
Fin quando il frutto della collaborazione era rappresentato dalla devoluzione al Comune dell’incasso della maggiore imposta accertata e dalla disponibilità alla collaborazione al buon risultato, le cose sono andate bene,ma quando la parte di competenza al Comune è stata ridotta al 55 % dell’incassato ed i meccanismi burocratici divaricati, il tutto si è inceppato.
Appare chiaro che la collaborazione va rilanciata, innanzitutto con l’incentivazione al 100 % dell’incassato, a cominciare dalla Legge di Stabilità 2017, eliminando innanzitutto gli impedimenti burocratici e perché no, ripensare ai Consigli Tributari, accantonati frettolosamente qualche anno fa.

Mario Cardone
Segretario Provinciale PSI Modena

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento