domenica, 11 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Spagna. Elezioni in salita per il Psoe: casi di corruzione
Pubblicato il 01-06-2016


Pedro Sanchez

Pedro Sanchez

I leader dei qattro grandi partiti spagnoli si sfideranno lunedì 13 giugno nell’unico dibattito tv della campagna per le politiche anticipate del 26 giugno, così riferisce la stampa spagnola. Al confronto televisivo parteciperanno il premier uscente e leader del Pp Mariano Rajoy, i segretari di Podemos e Psoe Pablo Iglesias e Pedro Sanchez e il presidente di Ciudadanos Albert Rivera.
I socialisti avevano proposto un duello Rajoy-Sanchez, che il Pp ha immediatamente respinto trincerandosi in una spiegazione didascalica del nuovo quadro politico spagnolo non più bipolare ma ‘a quattro’, come uscito dalle politiche del 20 dicembre scorso.
I sondaggi più recenti inoltre indicano che il Psoe potrebbe non essere più il secondo partito del Paese, se riuscirà il ‘sorpasso’ di Podemos.
Lo stantio scenario politico spagnolo a meno di un mese dalle urne è stato mosso dalla notizia arrivata questa mattina: due ex leader del Psoe nazionale e del governo regionale andaluso sono stati rinviati a giudizio per lo scandalo dei fondi dirottati nei programmi per imprese in crisi denominato Ere in Andalusia.
Manuel Chaves, 71 anni, già ex-vicepremier, e Josè Antonio Grinan 69 anni, ex leader maximo dei socialisti in Andalusia, sono stati incriminati con altri 23 ex-dirigenti (fra cui sei ex-assessori regionali) ed alti funzionari andalusi per presunte irregolarità nella gestione dei circa 855 milioni di euro destinati ai programmi.
I due ex-leader socialisti si sono immediatamente auto-sospesi dal Psoe questa mattina, precisa El Pais, prima del rinvio a giudizio, deciso oggi dal giudice Alvaro Martin dopo cinque anni di inchiesta.
Il rinvio a giudizio dei due dirigenti storici del socialismo andaluso potrebbe influire sul risultato del Psoe, dalla fine del franchismo prima forza politica in Andalusia e più grande bacino elettorale socialista, alle politiche del 26 giugno.

Sara Pasquot

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento