domenica, 11 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Murray, Mayer e Keys incoronati campioni
Pubblicato il 20-06-2016


Andy Murray after winning Queen's finalATP a Londra del Queen’s e in Germania ad Halle. Donne impegnate nel Wta di Birmingham. Questo lo scenario sull’erba che si è appena concluso. Guardando a Wimbledon, anche se ancora manca Eastbourne. Ad accomunare tutti i tornei non solo la pioggia caduta in continuazione. Sono apparsi i tornei degli scivoloni. Le cadute sono state molte per tennisti e tenniste, che hanno rischiato seri infortuni, soprattutto a ridosso della rete, meno praticata del fondo, dove il suolo era più consumato. Una dimostrazione della pericolosità di giocare su questa superficie e ciò ha risaltato le capacità degli atleti che si sono mossi con abilità sull’erba.

I protagonisti sono stati diversi. Innanzitutto nel femminile Madison Keys, che ha conquistato il titolo e la top ten, riuscendo nell’impresa mancata per poco a Roma contro Serena Williams. Forse la tensione minore di giocare contro una tennista meno temibile quale Barbora Strycova l’ha facilitata. Colpi meno potenti, ma soprattutto un’avversaria troppo nervosa e incostante, seppur ostica. Con un netto 6/3 6/4 l’americana si è sbarazzata della ceca n. 30 del mondo, che già tanto aveva rischiato in semifinale contro la Vandeweghe. Coco si è fatta sorprendere al terzo set e ha perso con il punteggio di 2/6 6/4 6/3. In lacrime, l’americana dominava il gioco, quando la ceca è riuscita a ribaltare il match. Neppure il coach è servito a far riprendere la Vandeweghe, che non è stata in grado di bissare la vittoria della settimana precedente a ‘s-Hertogenbosch. Forse un cedimento nervoso per un accumulo di tensione enorme per essere a un passo dal conquistare due tornei, ormai vicinissima alla seconda finale consecutiva. Come al Foro Italico, Carla Suarez Navarro si è fermata in semifinale. La spagnola sicuramente è più a suo agio sulla terra.

Nel maschile Andy Murray è riuscito a trionfare in casa al Queen’s, un torneo cui tiene molto e che ha vinto già tante volte (2009, 2011, 2013, 2015 e 2016). Per il secondo anno, dunque, lo scozzese si è confermato campione, con la madre e la moglie sugli spalti ad applaudire di gioia. Ma ha dovuto faticare moltissimo e solo un po’ di fortuna gli ha dato ragione del più che valido Milos Raonic, davvero impressionante nel giocare un tennis splendido in quello che è stato il suo miglior torneo di sempre: concentrato, impostato, ordinato, deciso, ha disegnato il campo in maniera perfetta, attaccando, mettendo pressione e togliendo ritmo all’avversario. Un Murray in difficoltà ha vinto di rabbia, orgoglio e fortuna. Il canadese stava servendo sul 4-1, al secondo set e avanti già di uno, in vantaggio nel punteggio. Rischiava di portarsi sul 5-1 e dunque sembrava una partita chiusa. Due palle su cui lo scozzese ha chiamato il challenge hanno ribaltato l’esito: non chiamate out dai giudici di linea, sono risultate fuori di pochi millimetri. Murray è riuscito così a pareggiare per poi portarsi avanti ed andare a vincere per 6/7(5) 6/4 6/3, in oltre due ore di gioco. Soddisfazione doppia per lui e per il suo allenatore Ivan Lendl. Quest’ultimo ha vinto il suo duello a distanza con il ‘nemico’ principale di sempre John McEnroe, che segue Raonic (sempre in prima fila sugli spalti).

Ma un altro match entusiasmante è stato ad Halle quello in semifinale tra Zverev e Federer. Il giovane tedesco ha giocato un tennis stellare come non mai prima, molto maturato. Non solo ha battuto il campione svizzero al terzo set, vincendo per 7/6(5) 5/7 6/3, ma si è aggiudicato la sua seconda finale in un derby tedesco con Mayer. Quest’ultimo si è affermato giustiziere dei giovani emergenti talentuosi, eliminando il più che valido Milos Raonic, in semifinale in due set per 6/3 6/4; poi il 32enne tedesco si è imposto su Zverev in finale: gli ha tolto ritmo anticipando le sue accelerazioni, avanzando per primo a rete. Venendo avanti, però, bravo il 19enne spesso a passarlo. Forte soprattutto nel servizio (in particolare sulle prime, ma ha piazzato anche molti aces), Zverev non solo ha tirato l’incontro sino al terzo set, ma è stato l’autore dei punti più belli. Ancora più esperto e abile, però, Floryan Mayer. Alexander è uscito a testa alta, sconfitto in maniera più che dignitosa con il punteggio di 6/2 5/7 6/3. Ha stupito principalmente la sua mobilità. Molti i rischi di infortunio corsi, ma in scivolata e in tuffo ha chiuso punti fenomenali. Questo prepara un tabellone maschile in fermento per Wimbledon, con molti candidati che potrebbero rivelarsi veri outsiders. I campioni di sempre non sono più al sicuro. Dalla loro solo l’esperienza può aiutarli.

Barbara Conti

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento