sabato, 3 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Usa. Bloccato il Piano immigrati di Obama
Pubblicato il 24-06-2016


obamaAnche Oltreoceano si cercano soluzioni per gli immigrati, ma questa volta il Piano elaborato da Obama resta bloccato. Il massimo tribunale federale, la Corte Suprema, si spacca e blocca così il piano sull’immigrazione con cui Obama avrebbe voluto impedire il rimpatrio forzato di più di 4 milioni di immigrati irregolari, permettendo loro di vivere e lavorare legalmente nel Paese. I giudici si sono espressi con 4 voti a favore e 4 contrari sul caso sollevato dallo stato del Texas contro il decreto esecutivo emanato dal presidente nel 2014 per evitarne l’espulsione, il pareggio lascia così in vigore la sentenza del tribunale d’appello, che blocca il piano sull’immigrazione.
L’impasse della Corte Suprema è dovuta alla mancata elezione del nono giudice costituzionale dopo la morte di Antonin Scalia, e rappresenta una significativa sconfitta per il presidente americano, già alle prese con lo stallo sulla legge per la stretta sulle armi.
A esultare sono il Texas ed altri 25 stati Usa a guida repubblicana, che fin dall’inizio hanno sfidato i decreti varati da Obama nelle aule di tribunale, accusando il presidente di aver abusato dei suoi poteri. Tuttavia, sempre dalla Corte, arriva una piccola rivincita per Obama, i giudici infatti hanno detto sì alle ‘quote razziali’ nelle università statali. La Corte ha infatti respinto il ricorso presentato contro una legge del Texas che prevede di prendere in considerazione anche la razza per l’ammissione all’ateneo statale, la University of Texas. Si tratta di norme per garantire alle minoranze – dagli afroamericani agli ispanici – un equo accesso agli studi universitari.
Il Presidente degli Stati Uniti ha espresso il suo forte rammarico per il ‘blocco’ al suo Piano: “L’immigrazione non è un qualcosa di cui bisogna avere paura”, per Obama è inutile “erigere un muro tra noi e quelli che non ci assomigliano o non pregano come noi o hanno nomi diversi”.
“La decisione odierna è frustrante per tutti quelli che cercano di far crescere la nostra economia e che vogliono normalizzare il sistema di immigrazione per permettere alle persone di uscire dall’ombra, far sparire questa perenne nuvola che aleggia su di loro”, ha detto Obama.

Maria Teresa Olivieri

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento