mercoledì, 7 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Votare socialista si può
Pubblicato il 04-06-2016


Sono tante le liste socialiste, laico-socialiste, civico-socialiste, i candidati socialisti presentati in questa tornata amministrativa che interessa oltre 13 milioni di italiani. Su 25 comuni capoluogo di provincia, dieci sono le liste socialiste o laico-socialiste presentate, solo quattro quelle dove i socialisti si presentano nella lista del Pd, dieci dove si presentano con liste civiche o di centro-sinistra e due dove sono assenti. Su 145 comuni sopra i 15mila abitanti 94 sono quelli in cui esistono liste o candidature socialiste. Nel recente passato mai la presenza socialista si era mostrata tanto diffusa e radicata.

I dirigenti nazionali si sono impegnati in prima persona, dal segretario Nencini, al responsabile degli Enti locali Rometti, fino al dissidente Bobo Craxi per la riuscita dei nostri candidati. Chi invece ha preferito salire sull’Aventino per potere meglio inanellare altri motivi di dissenso e di distacco sono convinto che rimarrà deluso. A Roma la nostra lista, capeggiata da Aldo Forbice, potrebbe anche risultare decisiva per portare Giachetti al ballotaggio, a Bologna la lista Bologna viva potrebbe risultare determinante per la vittoria di Merola al primo turno, a Napoli la lista del Psi é stata presentata dopo aver superato l’assurda decisione di una parte di socialisti locali che intendevano non presentarla e confluire nella civica di De Magistris.

A Milano la lista civica è capeggiata dal nostro Felice Besostri, a Treste è stata presentata una lista socialista e verde, a Torino siamo presenti con una nostra candidata nella lista del Pd. Ma è soprattutto nelle altre città, a cominciare da Salerno, da Caserta, da Grosseto, Benevento, Cosenza, Carbonia-Iglesias, Savona, che le nostre liste possono ottenere un notevole successo, caratterizzate come sono da volti giovani e da donne. Così come il successo socialista é assai probabile in grandi centri non capoluoghi come Melfi, Sansepolcro, Cento e in altre realtà medio-piccole dove presentiamo liste di partito. Oggi è il giorno della verità. Votare socialista si può, si deve. In molti lo pretendevano anche in altre consultazioni. Non ci si lamenti oggi.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento